Digita per cercare

Politica

Agorà: parla l’inventore del movimento delle “sardine”

Condividi
sardine

L’inventore del movimento delle “sardine” anti Salvini intervistato ad Agorà: “Siamo l’alternativa alla retorica populista e all’invasione leghista che sta avvenendo in Emilia Romagna”. 

“Abbiamo fatto una cosa che non è mai successa: chiamare tanta gente a raccolta per dimostrare che esiste un’alternativa all’avanzata della Lega in Emilia Romagna”.

Mattia Sartori è uno dei quattro ragazzi promotori della “piazza delle sardine“, manifestazione di “protesta” che si è svolta giovedì scorso a Bologna e che ha visto la partecipazione di quasi ventimila persone.

Ospite in studio ad Agorà, programma televisivo in onda sulle reti Rai, ha spiegato com’è nata quella piazza e i motivi che hanno spinto tante persone a parteciparvi.

Mattia Sartori e il movimento delle “sardine”

“Io nella mia vita non ho mai fatto politica ne organizzato piazze […]. La cosa incredibile di quella piazza è che tutte le fasce di età erano coperte. C’erano tantissimi bambini, tante famiglie, un sacco di ventenni e trentenni e c’erano una marea di pensionati”.

Poi Sartori dice di non aver voluto quella piazza per andare contro la politica ma per “dare una sveglia alla gente che ha dormito e che ha concesso tutta questa retorica aggressiva che invade web, piazze, palazzetti dello sport di andare avanti.”

“Noi – continua il ragazzo – ci siamo chiesti se c’è un’alternativa e se siamo gli unici a pensarla così: ci siamo ritrovati una piazza di ventimila persone e abbiamo trovato altre venti richieste di piazza per fare in modo che tutto questo continui”.

Martina in difficoltà

Tra gli ospiti c’è anche un esponente della Lega, Claudio Durigon, che fa notare come l’aggressività di cui parla Mattia non era certamente rappresentata né dalla loro piazza né dalle persone nel palazzetto ma dai centri sociali.

Poi, riferendosi al movimento, manda una frecciatina a l’ex Ministro dell’agricoltura Maurizio Martina, anch’egli presente in studio: “Complimenti, continuate che forse riempite un vuoto lasciato dai politici”. 

A mettere in difficoltà Martina si aggiunge anche la conduttrice di Agorà Serena Bortone, chiedendo all’ex ministro come mai quella piazza è stata pensata da quattro ragazzi e non dal Partito Democratico.

Prima che Martina rispondesse si è intromessa la giornalista del Sole 24 Ore Barbara Fiammeri: “Perché il Pd ventimila persone non è capace di portarle”. Tra il pubblico si sente un accenno di applauso, poi probabilmente bloccato sul nascere.

Quindi la risposta dell’esponente dem: “Perché c’è un’Italia fuori dalle nostre logiche che ragiona in maniera più libera, più attiva, più serena… magari più arrabbiata che esce dalla nostra logica di partito”.

Mattia Santori, parla a Agorà l'animatore del movimento delle sardine di Bologna

"Abbiamo fatto una cosa mai successa, abbiamo chiamato tanta gente a raccolta per dimostrare che si può fermare l'avanzata della Lega in Emilia Romagna. C'erano tutte le fasce d'età. Prepariamo altre date" Mattia Santori, animatore del movimento delle sardine a Bologna

Posted by Agorà on Monday, November 18, 2019