sfero banner
Home Intrattenimento Ambra racconta il suo amore violento e l'uomo che la stava per...

Ambra racconta il suo amore violento e l’uomo che la stava per soffocare

Ambra Lombardo, la bella professoressa del Grande Fratello 16, ha deciso di raccontare il suo passato. Cinque anni drammatici vissuti tra violenze verbali e fisiche.

Adesso è felicemente innamorata e fidanzata con Kikò Nalli, ex marito di Tina Cipollari, ma il suo passato non è stato altrettanto roseo. Ambra ha deciso di svelare la sua triste storia di un amore violento.

All’età di 26 anni, la bella siciliana si fidanzò con un uomo molto geloso e possessivo. Spesso lui arrivava a strattonarla e spintonarla.

Potrebbe interessarti anche: Chiara Ferragni e la sorella attaccate sui social: “Siete grasse” – ecco la risposta

Una volta arrivò addirittura a metterle le mani al collo, fino quasi a soffocarla. La 33enne ha subìto in silenzio per ben cinque anni.

In un’intervista ha raccontato: «Ricordo di aver nascosto per giorni un livido sul collo che si allungava fino al petto. Poi mi riempiva di insulti molto pesanti. Cose forti. Gesti forti e violenti».

Per questo motivo ha deciso di lanciare un appello: «Non ho mai denunciato le violenze subite. Non fate come me».

Poi continua: «Non riuscivo a staccarmi. Quando lo lasciavo, lui mi perseguitava e mi raggiungeva sotto casa dei miei genitori perché desiderava farsi perdonare. E io ci ricascavo». 

Ambra Lombardo e il suo passato d’inferno

Durante il suo racconto, Ambra ricorda di essersi addirittura colpevolizzata per il comportamento violento dell’ex fidanzato.

Purtroppo in certi casi non si riesce più a ragionare lucidamente. Nonostante tutti i tipi di violenza subiti negli anni, l’affascinante siciliana credeva di amarlo e si illudeva che prima o poi le cose sarebbero andate diversamente.

Alla fine però ha compreso come stavano realmente le cose e ha messo fine alla relazione.

«Il consiglio che posso dare è di non fare come me, bisogna denunciare subito». Poi termina questa intervista a cuore aperto dicendo che una persona violenta è una persona che non sta bene.