Digita per cercare

Notizie

Atleta ritrovato morto davanti all’Agenzia delle Entrate, ecco cosa non torna

Condividi
Atleta paraolimpico

Atleta paraolimpico ritrovato oggi cadavere davanti all’Agenzia delle entrate di Lucca: sono iniziate subito le indagini.

Questa mattina intorno alle 6 un dipendente dell’ente ha trovato il corpo di un uomo senza vita con una pistola vicino.

Subito è stato dato l’allarme ma non c’era più nulla da fare. Si era infatti sparato con una pistola, il gesto non gli ha lasciato scampo.

Ti potrebbe interessare anche: Chiama la polizia perché il marito la picchia e invece lei ha ucciso la figlia

Atleta paraolimpico morto, neanche la famiglia conosce le motivazioni

Il corpo è stato rinvenuto vicino alla macchina e alla sedia a rotelle. L’intervento del 118 è stato tempestivo ma non hanno potuto fare altro che dichiararne il decesso.

Sul posto è intervenuta immediatamente la polizia con gli investigatori; non si è trovato nessun biglietto che spiegasse il gesto.

La direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate precisa che il parcheggio del ritrovamento è un luogo utilizzato da molte persone, non solo da chi lavora lì.

Non ci sarebbe nessuna correlazione quindi tra il luogo del suicidio e la struttura, non ci sarebbe stata intenzionalità ma solo una macabra coincidenza.

Dai documenti che il disabile portava addosso si è scoperta la sua provenienza. Lui è Lorenzo Major, campione mondiale paralimpico di arrampicata, originario di Forlì.

La famiglia è stata contattata immediatamente ma neanche loro sono riusciti a far luce sul drammatico gesto.

I poliziotti si sentono di escludere collegamenti con l’Agenzia delle entrate perché non sembra che l’atleta avesse particolari problematiche economiche.

Alcuni aspetti però sono ancora al vaglio degli inquirenti in quanto non del tutto chiari: ad esempio l’uomo aveva delle ferite al naso e alla testa.

È stata chiamata una squadra esperta in balistica, ci sono dei dubbi anche sulla traiettoria dei proiettili, alcuni proiettili si sarebbero schiantati al piano terra.

Ma sono stati trovati colpi anche ai piani superiori. Stanno dunque cercando di capire da una parte la dinamica, dall’altro il movente del triste gesto.