Digita per cercare

Salute

Banane e patate: ecco cosa succede dentro le arterie quando le mangiamo

Condividi
banane e patate

Banane e patate fanno bene alle nostre arterie grazie al loro alto contenuto di potassio: ecco lo studio che lo dimostra.

Il potassio è un oligoelemento molto importante per il nostro organismo e non essendo in grado di sintetizzarlo dobbiamo assumerlo con l’alimentazione.

È fondamentale per le funzioni che svolge, tra cui regolare il ritmo cardiaco e agire nel meccanismo dei muscoli per il loro corretto funzionamento.

Uno studio ha dimostrato che il potassio contenuto in banane e patate fa bene alle arterie e le protegge riducendo il rischio di problemi cardiaci.

Banane e patate: fonti di potassio

I ricercatori dello studio intitolato “Dietary potassium regulates vascular calcification and arterial stiffness” hanno dimostrato gli effetti benefici di questo oligoelemento.

Nello studio i ricercatori hanno controllato l’effetto di una dieta povera di potassio sui topi valutando due dati: la calcificazione vascolare e la rigidità arteriosa.

Per calcificazione vascolare si intende la formazione di depositi calcarei nei vasi sanguigni che possono portare a vari problemi.

«La ricerca ha un grande potenziale poiché dimostra i benefici di un adeguato supplemento di potassio nella dieta per poter prevenire la calcificazione vascolare e gli effetti negativi di una dieta con poco potassio», spiega Paul Sanders co-autore dello studio.

Infatti con una dieta a ridotto contenuto di potassio, i ricercatori hanno potuto appurare nei topi un incremento della rigidità arteriosa, che negli esseri umani si traduce in problemi cardiaci.

Per dimostrare l’effetto benefico del potassio contenuto in alimenti come banane e patate gli scienziati hanno cambiato la dieta dei topi aumentandone l’apporto nell’alimentazione.

Sia le calcificazioni vascolari sia la rigidità arteriosa tendevano a ridursi, a dimostrazione della tesi che questo oligoelemento fa davvero bene al nostro cuore.

È quindi fondamentale introdurre nella propria dieta alimenti che abbiano alto contenuto di potassio come banane e patate, ma anche avocado, spinaci, latte e uva passa.