Digita per cercare

Salute

Bicarbonato: ecco perché è inutile se non lo usi con l’acido giusto

Condividi
bicarbonato

Il bicarbonato può essere usato al posto del lievito chimico in polvere per far crescere impasti sia dolci che salati. Ma attenzione a come lo fate.

Molti preferiscono sostituire nelle ricette alcuni prodotti commerciali con altri “fai da te”. Ma a volte per farlo non basta semplicemente inserire o cambiare un ingrediente di una ricetta.

È il caso del lievito chimico in polvere. Sempre più spesso vediamo commenti che suggeriscono di sostituirlo col bicarbonato ma è sempre possibile farlo? La risposta è sì ma ci sono delle indicazioni precise da seguire.

Il bicarbonato di sodio è una sostanza debolmente basica che, per essere sfruttato come agente lievitante, deve essere messo in contatto con un composto acido.

Nella reazione, in cui l’acido e la base si annullano a vicenda, si sviluppa anidride carbonica che rimane intrappolata nell’impasto e contribuisce a far lievitare il prodotto da forno.

Quindi sostituire il lievito chimico col solo bicarbonato non serve a nulla se non è presente un acido tra gli ingredienti o se non ne aggiungiamo uno per attivare la reazione.

Questo è un po’ il principio del lievito chimico in polvere commerciale che tra gli ingredienti ha: il bicarbonato di sodio (E500), uno o più sali acidi e amido di mais per assorbire l’umidità.

È comune trovare in questi lieviti due sali acidi di cui uno lavora a basse temperature, mentre l’altro si attiva solo una volta che l’impasto è in forno, prolungando così la lievitazione.

Gli acidi da aggiungere al bicarbonato la lievitazione

Alcuni pensano che sia poco gradevole il sapore lasciato dai sali usati nel lievito chimico e preferiscono preparare da soli l’agente lievitante.

Se scegliamo la strada del “fai da te” è fondamentale ricordare che è importante pesare tutti gli ingredienti, così che al termine della cottura sia i composti acidi che quelli basici siano neutralizzati.

Ingredienti già presenti nell’impasto con cui reagisce il bicarbonato. In alcune ricette la componente acida è già presente negli ingredienti e quindi è sufficiente aggiungere solo il bicarbonato. Tra questi troviamo: yogurt, miele, succo di limone, aceto, melassa, panna acida e latte fermentato.

Dobbiamo sottolineare che questi acidi danno una reazione abbastanza rapida e non è semplice calcolare bene quanto bicarbonato sia necessario. Quindi potremmo non ottenere i risultati sperati.

Si trovano comunque indicazioni delle dosi su molti blog: 6 g di bicarbonato ogni 70 gr di yogurt, 6 g di bicarbonato ogni 50 ml di aceto di mele, 6 g di bicarbonato ogni 35 ml di succo di limone.

Aggiunta di una componente acida non presente nella ricetta. Se non ci fossero ingredienti acidi nella ricetta, è necessario aggiungerne uno. Meglio non optare per uno di quelli visti sopra perché una modifica alla ricetta potrebbe influire nella riuscita del risultato. Quindi la scelta ricade su: cremor tartaro o acido citrico alimentare.

Lievito con cremor tartato: 100 g cremor tartaro, 45 g di bicarbonato, 55 gr di amido di mais. Aggiungete 12/15 g della miscela ogni 250 g di farina.

Lievito con acido citrico: 100 g di acido citrico, 130 g di bicarbonato, 130 gr di amido di mais. Aggiungete 12/15 g della miscela ogni 250 g di farina.

Quando si usa lieviti in polvere è importante miscelarli con la farina e aggiungerli come ultimo ingrediente. Poi infornare velocemente perché la reazione è abbastanza veloce.