Oltre.tv

Bielorussia rifiuta 940 milioni: «Lockdown come in Italia? Che assurdità!»

Il presidente della Bielorussia Lukashenko ha rifiutato un’offerta allettante del Fondo Monetario Internazionale perché tra le condizioni c’era l’imposizione del lockdown.

La Bielorussia, come la Svezia, non ha mai attuato una chiusura del Paese, affrontando questo periodo in modo molto diverso rispetto al resto d’Europa.

Il presidente Aleksander Lukashenko ha continuato sempre a negare che il coronavirus fosse un pericolo per la popolazione attuando blande misure di restrizione.

Lo scorso 18 giugno il capo dello Stato ha tenuto una riunione sulle misure a sostegno dell’economia da parte del sistema bancario.

Discorso del presidente della Bielorussia sulla proposta dell’FMI

In apertura ha tenuto a sottolineare l’importanza di preservare la sovranità e l’indipendenza del Paese e che non permetterà a nessuno di distruggere la Bielorussia.

L’incontro ha trattato molti aspetti economici del Paese. Nella parte finale Aleksander Lukashenko ha parlato ai partecipanti della disponibilità di assistenza creditizia estera alla Bielorussia.

Il capo dello Stato ha annunciato la possibilità di fornire alla Bielorussia 940 milioni di dollari in cosiddetti finanziamenti rapidi da parte del Fondo Monetario Internazionale. Ha però sottolineato il problema dietro a questa proposta: le condizioni imposte.

Il presidente le ha reputate inaccettabili perché non riguardavano la parte finanziaria ma un’imposizione sulla gestione coronavirus del Paese. La Bielorussia avrebbe dovuto applicare le regole del lockdown come in Italia.

«Non voglio che in Bielorussia si ripeta la situazione che c’è stata in Italia, Dio non voglia. Io non lo voglio. Noi abbiamo il nostro Paese e la nostra situazione e vogliamo gestire il coronavirus come stiamo già facendo», ha affermato Lukashenko.

A fine maggio la Banca Mondiale aveva già stanziato un finanziamento di 90 milioni di euro per aiutare la Bielorussia a rafforzare il sistema sanitario nazionale nella lotta al coronavirus.

Il Fondo Monetario Internazionale era pronto a offrire fino a 10 volte di più ma alle loro particolari condizioni. Il presidente ha affermato: «Ho chiesto anche il parere al Ministero della Salute. Ma il FMI continua a chiederci di attuare la quarantena, l’isolamento e il coprifuoco. Che assurdità!»

I dati Covid-19 della Bielorussia, su una popolazione di 9 milioni, parlano di 66.521 contagiati, 59.061 guariti e 513 decessi, con un tasso di letalità dello 0,7%.

Il presidente bielorusso ha dato un duro parere riguardo all’imposizione del Fondo Monetario Internazionale, rifiutando la loro offerta.