Digita per cercare

Affari

Bonus figli nel decreto aprile: fino a 160 euro al mese per ogni figlio

Condividi
Bonus figli
loading...

Il ministro delle pari opportunità Elena Bonetti ha proposto un bonus figli nella bozza del futuro decreto Aprile: ecco quanto andrebbe alle famiglie.

Il premier Giuseppe Conte ha annunciato che prima di Pasqua sarà varato un nuovo decreto per far fronte all’emergenza coronavirus.

Tra le proposte presenti nella bozza del decreto Aprile c’è anche quella promossa dal ministro per le pari opportunità Elena Bonetti.

Si tratta di fatto di estendere il precedente bonus bebè a tutti i nuclei familiari con figli fino ai 14 anni di età. I soldi, però, non saranno uguali per tutti.

Bonus figli nel decreto Aprile: ecco le cifre disposte dallo Stato per le famiglie

Elena Bonetti ha spiegato che è un bonus straordinario che estende di fatto l’assegno di natalità tradizionale.

Quest’ultimo prevedeva che per ogni figlio nato le famiglie godessero di un bonus mensile fino al compimento di 1 anno.

Secondo il decreto Aprile, le famiglie con figli al di sotto dei 14 anni, senza alcuna esclusione, potranno godere di una cifra mensile che lo Stato elargirà.

Come indicato anche da Qui finanza i soldi saranno calibrati in base al reddito ISEE dichiarato e varieranno secondo tre fasce differenti.

Per ogni figlio presente nelle famiglie che hanno un ISEE fino a 7 mila euro la cifra mensile corrisponde a 160 euro.

Le famiglie che hanno un ISEE compreso tra i 7 e i 40 mila euro avranno un bonus di 120 euro per ogni figlio.

Se l’ISEE supera invece i 40 mila euro, per ogni figlio le famiglie potranno avere al mese una cifra pari a 80 euro.

Il pagamento mensile dell’assegno sarà effettuato direttamente a chi è intestato l’IBAN su bonifico bancario domiciliato, accredito su conto corrente bancario o postale, libretto postale o carta prepagata.

Secondo lo Stato, quindi, questo decreto Aprile porterebbe un concreto aiuto alle famiglie che in questi giorni di coronavirus devono nutrire i propri figli e magari sono a casa in cassa integrazione o privi di lavoro.