Digita per cercare

Spettacoli

Briatore contro la Ferragni: «È il sogno di tutti quello di non fare un caz*o»

Condividi
briatore

Flavio Briatore in una recente intervista televisiva ha definito deficienti i followers di Chiara Ferragni. Pronte le reazioni da parte del mondo social.

Ieri sera nel programma di La7 “Non è l’Arena” di Massimo Giletti, l’imprenditore ha parlato di lavoro, soldi e come farli. La sua posizione è da subito sembrata critica nei confronti di questi nuovi lavori social.

Briatore ha preso subito di punta la recente masterclass “Beauty bites” che ha fatto Chiara Ferragni insieme al make up artist Manuele Mameli.

Ti potrebbe interessare anche Chiara Ferragni pubblica foto in intimo, i commenti: ‘Ma non ti vergogni?’

Briatore: “Pazzi a darvi tutti quei soldi”

Poche settimane fa infatti, l’imprenditrice digitale più famosa del web ha creato una masterclass in cui venivano dati dei consigli di trucco, dei gadget, un rinfresco e la possibilità di incontrare la influencer.

I biglietti andavano da un minimo di 250euro ad un massimo di 650 e l’evento ha segnato il tutto esaurito, tanto da richiedere una doppia data.

Briatore è andato giù pesante con i commenti dicendo che per lui il mondo social non è un lavoro, che non capisce tutto questo giro di denaro dietro a persone che di fatto non fanno niente.

Continua dicendo che è il sogno di tutti quello di non fare un c…o e nonostante questo guadagnare dei soldi, ma se suo figlio dovesse chiederglieli per partecipare a un evento del genere non reagirebbe sicuramente bene.

La reazione della Ferragni non è ancora arrivata in compenso stamattina Francesco Facchinetti era infuriato e ha dato la sua risposta a mezzo social.

In sostanza l’ex dj ha commentato con toni pesanti dicendo che è veramente stufo di questo vecchiume, che anche i nostri nonni insultavano i nostri padri dando loro dei nullafacenti.

Questo è il prezzo del progresso, continua, per fortuna ci sono persone brillanti e intraprendenti che danno risalto e importanza all’imprenditoria italiana.

E voi da che parte state? Con il conservatore Briatore o con le idee di aperture e più proiettate verso il futuro come Facchinetti Junior?