sfero banner
Home Italia La brutta fine che fanno migliaia di cavalli rapiti ogni anno in...

La brutta fine che fanno migliaia di cavalli rapiti ogni anno in Italia

Cavalli rapiti destinati alla macellazione clandestina: un problema sottovalutato che, oltre a riguardare tanti imprenditori, rischia di mettere a repentaglio la salute pubblica. 

Secondo la Federazione Italiana Turismo Equestre e Trec (FITETREC) in questi ultimi anni si stanno verificando tantissimi rapimenti di cavalli, specialmente in Puglia e nel Lazio. Duecento cavalli rapiti solo nella zona di Bracciano, negli ultimi diciotto mesi.

Per questo motivo il 4 di ottobre si svolgerà a Bracciano il primo evento per la difesa del cavallo.

“Purtroppo – si legge nel comunicato stampa della FITETREC – nonostante la dichiarazione delle forze dell’ordine di voler aumentare l’attenzione, da anni le indagini non hanno portato a nessuna svolta e questi criminali continuano ad agire indisturbati”.

Cavalli rapiti e destinati alla macellazione clandestina

Per la Federazione non si può fare a meno di definirli criminali perché, oltre al rapimento di esseri viventi, i cavalli rapiti sono destinati alla macellazione clandestina.

“Circostanza che alimenta il sospetto che dietro i trafficanti ci sia una rete molto vasta: in altre parole, la criminalità organizzata e collusa”.

Ne abbiamo parlato con una delle tante anime che stanno collaborando all’evento che si terrà a Bracciano, Monica Conversano.

“Il vero problema – ci ha detto – è che fino a quando questi rapimenti verranno inseriti sotto il cappello dell’abigeato, magistratura e forze dell’ordine non si sentiranno costrette a intervenire con il peso che questa faccenda necessita”.

Ecco perché, secondo la Coversano, per contrastare la macellazione clandestina si dovrebbe agire in maniera decisa e senza perdere ulteriormente tempo.

Rapporto zoomafia LAV

Nel rapporto zoomafia 2019, pubblicato dall’Osservatorio Nazionale Zoomafie (LAV), “sarebbero oltre 150mila gli animali da allevamento spariti nel nulla ogni anno a causa dell’abigeato. Molti di questi animali finiscono inevitabilmente nel circuito delle macellazioni clandestine”. 

“C’è una differenza importante tra i cavalli di allevamento destinati alla macellazione e quelli sportivi” ha continuato la Conversano.

“I cavalli destinati al macello non vengono toccati da un punto di vista sanitario, o almeno non in modo da poter provocare danni al consumatore”.

Oltre a un problema di salute pubblica c’è l’aspetto economico e quello affettivo. I proprietari dei cavalli si dedicano quasi completamente alla vita dei loro animali.

“Nell’equitazione etica – ci ha spiegato Conversano – c’è il binomio cavallo cavaliere, che comporta fare le cose insieme per il piacere di entrambi. I cavalli vivono in branco tutto l’anno, non sono ferrati e sono condotti con la sola capezzina. Per questo la relazione fra cavallo e cavaliere è fondamentale, su essa si basano i primi mesi di lezioni”.

Durante l’evento ci sarà una passeggiata a piedi o in sella lungo alcune vie di Bracciano, prima della Conferenza Stampa delle ore 11.

A fare da testimonial è l’attrice Daniela Poggi. Interverranno esponenti del mondo equestre, alcune autorità, componenti della Fitetrec e associazioni che si occupano della tutela degli animali.

“L’evento del 4 ottobre – conclude Conversano – è soltanto l’inizio. A dicembre ci sarà una manifestazione pacifica a Roma davanti al parlamento, perché il problema è anche politico”.