Digita per cercare

Italia

Carabiniere ucciso da 2 nordafricani per 100 €: si era sposato da un mese

Condividi
carabiniere ucciso

AGGIORNAMENTO DEL 27 LUGLIO 2019: non sarebbero stati dei nordafricani a uccidere il poliziotto ma due americani. Ecco tutta la ricostruzione. (Ultimo aggiornamento di questa pagina: 1 agosto 2019, ore 16:20).

Ucciso il carabiniere Mario Rega Cerciello nel centro di Roma: la morte dopo la colluttazione con due rapinatori.

È una di quelle notizie che non vorremmo mai leggere: due uomini, presumibilmente di origine nordafricana, hanno prima rapinato una signora e poi ferito a morte un giovane carabiniere di 35 anni.

È accaduto ieri sera in pieno centro a Roma, dopo che due stranieri avevano da poco rubato a una signora la sua borsa.

All’interno era rimasto il cellulare e quando la vittima ha provato a chiamare i due rapinatori, questi hanno risposto chiedendole cento euro in cambio del borsello.

Le dicono di presentarsi in via Pietro Cossa, lei risponde di sì ma avverte subito i carabinieri. Quando si reca sul luogo in compagnia delle forze dell’ordine, questi tentano di arrestare i due rapinatori.

A questo punto e secondo le prime testimonianze, uno dei due malviventi avrebbe estratto un coltello e colpito i due uomini in divisa.

Nonostante i colpi inferti, uno dei due carabinieri continua a tentare l’arresto ma per Mario Rega Cerciello, colpito in prossimità del cuore, rialzarsi era impossibile.

Quando sono arrivati i soccorsi le sue condizioni sono apparse subito gravi. Trasportato d’urgenza all’Ospedale Santo Spirito, morirà poco dopo poco.

Carabiniere ucciso: ora è caccia ai malviventi

Mario aveva 35 anni ed era originario di Somma Vesuviana: lascia una moglie con la quale si era sposato appena un mese fa.

Ora è caccia ai malviventi. Sull’episodio è intervenuto anche il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte e il Ministro dell’Interno Matteo Salvini.

“La morte del giovane vice brigadiere Mario Cerciello Rega, ucciso stanotte nell’esercizio delle sue funzioni, è una profonda ferita per lo Stato.”

Queste le parole apparse sul profilo Twitter del Presidente Conte che aggiunge: “Faremo il massimo per assicurare i responsabili alla giustizia. La mia vicinanza alla famiglia e all’intera Arma dei Carabinieri”.

Ecco invece le parole di Salvini: “Caccia all’uomo a Roma, per fermare il bastardo che stanotte ha ucciso un Carabiniere a coltellate. Sono sicuro che lo prenderanno, e che pagherà fino in fondo la sua violenza: lavori forzati in carcere finché campa”.