banner
HomePoliticaCaso Cunial: vogliono far votare solo chi si piega al sistema, chissà...

Caso Cunial: vogliono far votare solo chi si piega al sistema, chissà perché

La deputata Sara Cunial non ha potuto partecipare alla prima votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica. Il motivo? Non era in possesso del green pass.

Alla ex grillina non è stato nemmeno concesso di poter entrare nella postazione riservata ai grandi elettori positivi o in quarantena allestita nel parcheggio della Camera.

Ho chiesto una terza possibilità – ha detto la Cunial – cioè di poter avere un bacchetto lì fuori, in una zona di “frontiera”, una zona neutra, e mi è stato negato”. 

Secondo la deputata: “Siamo in presenza di un abuso, di una dittatura. Non è più concesso a un parlamentare di poter entrare nella Camera dei deputati e soprattutto dare il proprio voto per il Presidente della Repubblica”. 

Davide Barillari sul caso Cunial: “Non c’è nulla di sanitario”

Ad accompagnare Sara Cunial c’era l’avvocato Polacco e il Consigliere Regionale del Lazio Davide Barillari.

“Non c’è nulla di sanitario – ha detto Barillari – solo chi ha il Green pass può votare in questo Paese. Questo è un monito per tutti gli italiani: che le prossime elezioni sette milioni di persone senza Green pass non potranno votare. Questo è l’antipasto”.

Segui Oltre Tv su Telegram e Google News

Secondo il Consigliere Regionale: “Il giornalismo non è più una professione, in Italia è diventata l’arma stessa del potere. Sono loro, insieme ai medici e ai magistrati, i primi complici di questo governo”.

E ancora: “Hanno instillato paura e odio – ha scritto sul social Sfero portandoci dove siamo ora. Ci siamo lasciati trasformare in un popolo che non lotta più per i suoi diritti e insegue la promessa della libertà con la prossima dose di vaccino e con il Green pass da esibire orgogliosamente per bere un caffè”.

Per Barillari non tutti i politici sono uguali. “Sara Cunial, ieri, da sola, ha dimostrato che una donna determinata e coraggiosa può opporsi contro un governo di criminali”.

Poi ha sottolineato che: “Nessun parlamentare, nessuno, anche quelli che urlano fra i banchi con il Green pass in tasca o fanno dirette YouTube contro il Green pass, le si è avvicinato anche solo per un saluto. Codardi e ipocriti”.

Barillari ha anche detto che non tutti i giornalisti sono venduti. “Ieri due giornalisti esteri hanno avuto il coraggio di raccontare quanto stava succedendo, senza risate e battutacce come hanno fatto i ben pagati giornalisti di Sky, della Rai e di tutte le testate che erano lì come avvoltoi contro Sara. Questi due giornalisti, veri, incazzati, stupiti di quanto succede SOLO in Italia, hanno prodotto questo video”. che riportiamo qui sotto. Foto: YouTube