Digita per cercare

Intrattenimento

Chiara Ferragni e la sorella attaccate sui social: “Siete grasse” – ecco la risposta

Condividi
Chiara Ferragni

Chiara Ferragni e la sorella Valentina sono state fotografate insieme durante una sfilata d’alta moda a Parigi. Immediate le critiche sui social: «Per fare le fashion blogger bisognerebbe essere magre»

La famosa influencer e sua sorella sono ormai abituate agli attacchi da parte degli haters. La cosa che stupisce e fa notizia è che questa volta i commenti negativi arrivano per via del loro fisico.

Ecco un esempio di messaggio cattivo da parte di una follower: «Non si può chiamare icona una corta e chiatta».

Potrebbe interessarti anche: “Chiara Ferragni pubblica foto in intimo, i commenti: ‘Ma non ti vergogni?’”

Oggigiorno è facilissimo incappare in messaggi simili sui social. Sempre più spesso le persone sfogano in rete la propria insicurezza e la rabbia repressa.

È davvero triste constatare quanta gente sia disposta a insultare così facilmente, senza dare peso alle parole usate.

Tuttavia ci sono stati anche tanti commenti positivi e messaggi di sostegno alle due vip. Una ragazza, ad esempio, risponde a un commento acido in questo modo:

«Ecco le tipiche persone che criticano quello che non hanno perché lo bramano tantissimo.»

La risposta di Chiara Ferragni agli haters sui social

Anche Chiara Ferragni non si è lasciata intimidire dagli insulti e ha risposto subito sul suo profilo Instagram.

«Ricordatevi che passare il tempo a insultare altre donne non vi renderà più belle, più intelligenti, più divertenti, vi renderà solo più infelici.»

Una frecciatina piccante che ha lasciato il segno. Poi prosegue: «Quante di voi si sono sentite meno felici per commenti fatti sul proprio corpo?

Amarci è già una cosa difficile, dobbiamo scontrarci ogni giorno con le nostre insicurezze, ma se ci fosse solidarietà almeno tra le donne tutto sarebbe molto più semplice. Pensateci».

Ti potrebbe interessare anche: Briatore contro la Ferragni: «È il sogno di tutti quello di non fare un caz*o»