Digita per cercare

Scienza e Ambiente

Cimice assassina in Italia: ecco come riconoscerla e cosa fare se morsi

Condividi
cimice assassina

La cimice assassina è un insetto cha appartiene alla famiglia Reduviidae e il suo nome scientifico è Rhynocoris iracundus.

Questo insetto non ha colori che gli permettono di mimetizzarsi, infatti il suo corpo è caratterizzato dai colori rosso e nero che si alternano.

Le sue dimensioni vanno da 1,2 cm a 1,6 cm. Ha 2 antenne nere che si schiariscono all’estremità, 3 paia di zampe e un paio di ali.

La cimice assassina è attiva in primavera ed estate e caccia le sue prede durante il giorno. Si ciba di insetti, ragni, api, vespe e scarafaggi.

Tra i suoi nemici naturali troviamo: la mantide religiosa, gli uccelli, i roditori e i ragni di grandi dimensioni.

Il nome di questo insetto velenoso deriva dalla modalità con cui si nutre, infatti uccide all’istante le sue prede sciogliendo i loro organi interni attraverso le sue tossine.

Quando la preda si avvicina, la cimice attende immobile e l’afferra. Attraverso il rostro appuntito inietta la sua tossina che paralizza e liquefà gli organi interni della vittima.

La cimice assassina è presente in gran parte d’Europa, Italia compresa e il suo habitat ideale sono le zone ricche di vegetazione. Si trova sia in collina sia in pianura, nelle siepi e nei prati.

Cimice assassina: cosa fare in caso di morso

Nonostante il suo aspetto poco rassicurante il morso della cimice assassina non rappresenta un pericolo mortale per l’uomo.

Questo insetto se infastidito o disturbato si difende pungendo e la loro puntura risulta molto dolorosa (un dolore più intenso di quello provocato da un’ape o una vespa).

La tossina che viene iniettata durante il morso, oltre al forte dolore, può provocare gonfiore che in genere sparisce dopo qualche ora.

Ti potrebbe interessare anche Piante tossiche che si trovano nei giardini e possono essere mortali – Foto

Se il gonfiore e il dolore fossero eccessivi meglio recarsi in ospedale per scongiurare allergie che potrebbero generare complicazioni.