Digita per cercare

Italia

Crollo demografico: italiani pronti a sparire? Ecco gli stranieri più numerosi

Condividi
crollo demografico

L’Istat lancia l’allarme: in Italia è crollo demografico. I dati si riferiscono al 2018.

La popolazione italiana diminuisce invece di aumentare. Un paese che registra più decessi che nascite è un paese a rischio.

Gli italiani scendono a 55 milioni. Una diminuzione costante negli ultimi quattro anni. Dal 2015 ci sono 400 mila residenti in meno.

Potrebbe interessarti anche: “Quanto costa un figlio maschio? Molto meno di una femmina, ecco perché”

Già a partire da quattro anni fa, infatti, il numero delle nascite è sceso sotto il mezzo milione. Mentre nel 2018 abbiamo avuto un nuovo record negativo.

Sono stati solo 439.747 i bambini iscritti all’anagrafe per nascita. Si tratta di un nuovo minimo storico dal 1861.

L’Italia si trova dunque a dover affrontare un crollo demografico. Il saldo naturale della popolazione complessiva è negativo in tutta la penisola. La provincia di Bolzano è l’unica che fa eccezione.

Il declino è rallentato dalla nascita degli stranieri residenti in Italia. L’Istituto di Statistica ci informa che negli ultimi quattro anni sono state registrate oltre 638 mila nascite dai cittadini stranieri.

Se non vi fossero state queste nascite, il calo dei residenti italiani si sarebbe aggirato intorno al milione e mezzo.

Nel nostro paese ci sono quasi 50 diverse nazionalità. Le cinque più numerose sono quella romena (oltre 1 milione), albanese (441 mila), marocchina (423 mila), cinese (300 mila) e ucraina (239 mila).