Digita per cercare

Politica

Dalila Nesci come Paragone? Nuovo duro attacco interno al M5s

Condividi
dalila nesci
loading...

Dalila Nesci, deputata del Movimento cinque stelle, scrive un post su Facebook dove evidenzia quelli che, a suo dire, rappresentano i veri problemi dei grillini: “Il M5S non sa più da che parte stare né quale sia la direzione da prendere”.

Il post su Facebook di Luigi Di Maio scritto questa mattina potrebbe dar credito alle indiscrezioni, trapelate in queste ultime ore, sulla scelta di voler dare le dimissioni da capo politico del Movimento Cinque Stelle.

“Oggi pomeriggio alle 17.00 sarò a Roma insieme a tutti i facilitatori regionali. Mi collegherò in diretta perché ho delle cose importanti di cui parlarvi. Vi aspetto. A più tardi. Forza!”.

Ma è davvero un grosso problema che Di Maio scelga di abbandonare questo ruolo? Secondo Dalila Nesci, deputata pentastellata che in un video aveva criticato aspramente la conduzione del Movimento, il vero problema è un altro.

Dalila Nesci e la crisi dei 5 stelle

Ecco cosa scrive su Facebook: “Il vero problema è la mancanza di strumenti di democrazia interna nel M5S. Infatti non si sono mai voluti creare i presupposti di una successione a Di Maio”.

Nesci critica anche la tempistica delle dimissioni da capo politico del Movimento: “una manovra strategica suicidaria del consenso a un passo dal voto per le elezioni regionali”.

Per Dalila “rappresenta uno smarrimento politico grave e che ha come origine la crisi identitaria del M5S di cui parlo da tempo. Il M5S non sa più da che parte stare né quale sia la direzione da prendere”.

“Benché io non sia una nostalgica delle “origini” senza struttura – continua – è chiaro che pur lavorando in questi anni non siamo riusciti a crearci un’identità politica evoluta: abbiamo navigato a vista. Ora si cercano disperatamente risposte e proposte per andare avanti”

Poi aggiunge: “Ma prima di trovare strumenti e soluzioni, dovremmo elaborare un nuovo obiettivo politico e dunque una carta dei valori sulla quale scegliere di convergere per stare assieme”.

E conclude: “È paradossale che io mi debba limitare a fare l’opinionista sulle indiscrezioni: non conosco gli obiettivi delle manovre di queste ore, ne saranno a conoscenza i cerchi magici di cui evidentemente non faccio parte. L’atto di Luigi Di Maio è l’ennesimo atto di navigazione a vista del M5S”.