Digita per cercare

Costume e Tempo libero

Dieta Sirt, ecco cosa mangiare per tornare in forma: il menù settimanale

Condividi
Dieta Sirt

L’estate è alle porte e in molti abbiamo problemi di peso dopo la reclusione forzata a causa del Covid-19. Un rimedio da provare è la “Dieta Sirt”.

La Dieta Sirt promette risultati miracolosi in poco tempo. Ne è un esempio Adele, la cantante inglese che per il suo 32esimo compleanno ha postato su Instagram una foto in cui appare in forma.

La popstar segue da tempo questa dieta che prevede, nel suo caso, circa 1.000 calorie al giorno, oltre a un lavoro fitness di pilates ed esercizi.

Ti potrebbe interessare anche: Pochi carboidrati, la dieta che fa male: ecco 4 segnali che stai esagerando

Dieta Sirt: dove nasce, come funziona e cosa si mangia

Il regime alimentare di questa particolare dieta del gene magro é stato ideato da due nutrizionisti inglesi, Aidan Goggins e Glen Matten.

Funziona grazie alla genetica: i nutrienti contenuti in alcuni alimenti avrebbero la capacità di attivare le sirtuine, una famiglia di geni “super regolatori metabolici” in grado di moderare l’appetito e stimolare naturalmente il metabolismo.

Quali sono i cibi Sirt da assumere nella dieta. Fragole, mirtilli, agrumi, noci, cavolo, rucola, radicchio, capperi e cipolla rossa. E ancora peperoncino, curcuma e tè verde. Anche grano saraceno, olio extravergine d’oliva, cioccolato fondente, caffè e vino rosso. Volendo si possono mangiare anche carne e pesce quindi il menu è abbastanza variegato.

Quantità e dosi. I nutrizionisti inglesi dicono che si deve mangiare finché non si è pieni. Ovviamente senza strafogarsi e senza esagerare con le bevande alcoliche.

Le fasi della Dieta Sirt. Sono previste due diverse fasi: la prima è quella di dimagrimento mentre la seconda è quella di mantenimento.

Dimagrimento. I primi giorni potrete assumere massimo 1.000 calorie al giorno divise in un pasto solido e tre succhi verdi Sirt. Dopo il quarto giorno si passa a consumarne fino a 1.500 calorie con due succhi verdi Sirt e due pasti solidi.

Mantenimento. La seconda fase ha inizio dalla seconda settimana fino al 21° giorno. Si introducono nella dieta tre pasti solidi al giorno, ovviamente preferendo cibi Sirt. Non bisogna superare le 2.000 calorie ma si possono consumare verdure in abbondanza senza un limite.

A detta dei nutrizionisti inglesi, queste due fasi possono essere ripetute nel momento in cui accadesse di mettere di nuovo su del peso.

Il resto del tempo possiamo continuare a seguire la nostra alimentazione mediterranea integrando nel menu gli alimenti Sirt che ci piacciono di più. Foto: YouTube