Digita per cercare

Scienza e Ambiente

Nave italiana affonda: domenica il petrolio potrebbe raggiungere le coste – Video

Condividi
disastro ambientale

Nella notte tra il 10 e l’11 Marzo la nave italiana Grande America, di proprietà della Grimaldi Lines, è affondata a largo della Francia, un vero disastro ambientale

A bordo trasportava 45 container con merci pericolose, oltre a dei bunker pieni di auto e olio combustibile.

Da Martedì scorso, inoltre, la nave ha iniziato a prendere fuoco e nel pomeriggio dello stesso giorno ha iniziato ad andare alla deriva. La fuoriuscita di petrolio potrebbe raggiungere le coste francesi entro la settimana.

Ti potrebbe interessare anche Caffè in capsule: ecco perché fa male alla salute, all’ambiente e alle tasche

Nave italiana perde petrolio a largo della Francia: disastro ambientale

Il mercantile proveniente da Amburgo, in Germania, aveva come destinazione Casablanca, in Marocco. Le 27 persone a bordo non hanno avuto alcuna conseguenza e sono tutte in salvo.

Inizialmente l’incendio sembrava sotto controllo e il comandante della nave puntava ad arrivare almeno a La Coruna, in Spagna.

Nella notte la situazione è peggiorata e le fiamme hanno preso di nuovo a divampare. Le autorità marittime, tempestivamente informate, hanno prestato soccorso all’equipaggio.

La situazione è peggiorata quando la nave, inclinata sul lato destro, è affondata, portandosi dietro tutto il carico inquinante.

François de Rugy, ministro francese dell’ecologia dichiara: “Come sempre in questi casi il rischio di inquinamento non deve essere negato”.

Il prefetto marittimo dell’Atlantico a Brest ha dichiarato che la nave aveva in tutto 365 container, 2000 veicoli e 2200 tonnellate di combustibile per il viaggio.

Nella giornata di Mercoledì è apparsa in superficie una brutta chiazza nera. Domenica la marea nera potrebbe raggiungere le coste francesi.

Ti potrebbe interessare anche Caffè in capsule: ecco perché fa male alla salute, all’ambiente e alle tasche

È in corso un gigantesco disastro ambientale e per il momento in pochi ne parlano. Il mare e chi lo abita pagheranno dure conseguenze.