banner
HomeMondoDonato, ecco cosa ha fatto l'UE: «Vi rendete conto dell'enormità?» Video

Donato, ecco cosa ha fatto l’UE: «Vi rendete conto dell’enormità?» Video

“La posizione affermata oggi dal Parlamento Europeo è quella di alzare il livello dello scontro tra Ucraina e Russia oltre ogni limite attualmente possibile e di estendere il conflitto a tutti i Paesi europei”. Lo ha detto Francesca Donato.

L’europarlamentare ha elencato una serie di provvedimenti dell’Unione Europea contro la Russia di Vladimir Putin.

“Viene deciso di utilizzare i fondi europei riservati agli aiuti umanitari per comprare armi da guerra come missili e mitragliatori, da fornire ai militari e ai civili ucraini del tutto impreparati a usarle”.

Ha menzionato il blocco di import export tra Europa e Russia, la chiusura dei porti e dello spazio aereo, il blocco degli investimenti e di ogni tipo di cooperazione.

Francesca Donato contro Ursula von der Leyen

“Le sanzioni finanziare adottate in partnership con gli Stati Uniti includono la chiusura di tutti i rapporti tra Europa e le banche russe, il sequestro di tutte le riserve finanziare della banca centrale russa presso le banche europee, l‘esclusione della Russia dal sistema di transazioni finanziarie Swift, l’avvio di procedure inquisitorie verso tutti i privati e le aziende russe proprietari di beni o attività siti sul territorio europeo”.

La Donato ha anche ricordato che sono stati censurati tutti i media che hanno rapporti con la Russia, definendo tale provvedimento come “la più estesa censura mai adottata in un sistema che si dica democratico”.

Segui Oltre Tv su Telegram e Google News

Secondo l’Europarlamentare ci troviamo di fronte a una vera e propria dichiarazione di guerra, da parte dell’Unione europea, contro una delle principali potenze mondiali.

Poi ha criticato le parole di Ursula von der Leyen. “La stessa voce che fino a ieri ha promosso e implementato le le più pervasive e pesanti restrizioni delle nostre libertà, in nome della necessità di difendere il bene superiore del diritto alla salute collettiva, oggi afferma l’esatto contrario. Cioè che la nostra sicurezza, la nostra stabilità economica, la nostra stessa sopravvivenza, possono essere sacrificate sull’altare della libertà, per giunta di un Paese terzo. Vi rendete conto dell’enormità e dell’ipocrisia dietro questa affermazione?” Foto: YouTube