Digita per cercare

Italia

Dottor Bacco: «Stiamo uccidendo le persone nei Pronto Soccorso» – Video

Condividi
dottor Pasquale Bacco Ilaria Capua Pronto Soccorso

Il dottor Pasquale Mario Bacco ha avuto il coraggio di denunciare la paradossale situazione che si vive nei Pronto Soccorso italiani.

Recentemente è stato attaccato per un intervento diventato virale in cui criticava Ilaria Capua. Il medico e ricercatore aveva affermato: «La Capua, un’entità astratta, che va via dall’Italia, arriva in America e diventa direttrice di uno degli istituti più importanti».

Il dottor Bacco si è chiesto: «Che cosa ha fatto mai nella sua vita questa signora per permettersi, tra l’altro non è neanche un medico, di parlare di medicina a tutti gli italiani?»

Nonostante la stampa e la stessa ricercatrice Ilaria Capua si siano scagliati contro Bacco, il medico non si placa e continua a esprimere la sua posizione alternativa sull’emergenza.

Il 17 ottobre l’Associazione L’Eretico, di cui il medico è co-fondatore insieme al magistrato Giorgianni e al professor Tarro, ha organizzato un presidio davanti a una delle sedi Rai di Roma per denunciare il terrorismo mediatico e la disinformazione da parte della televisione pubblica.

In questa occasione è intervenuto dal palco il dottor Pasquale Maria Bacco. Ha anche rilasciato un’intervista al canale Nick Franik.

Dottor Pasquale Bacco e la situazione nei Pronto Soccorso

«È una vergogna, non permettono un democratico contraddittorio». Gli Eretici hanno chiesto la possibilità di poter spiegare perché dicono certe cose: «ne va della mia dignità e della mia professionalità».

Il dottor Bacco ha ripreso il famoso video diventato virale in cui affermava «abbiamo ucciso le persone» e, invece che rettificare, come molti vorrebbero, ha incalzato: «Ma il problema sai qual è? Noi stiamo continuando a ucciderle. Non più nelle terapie intensive ma nel pronto soccorso».

Ha spiegato che è impensabile che ogni persona che arrivi al pronto soccorso, anche in un’emergenza come l’infarto, debba prima di tutto fare il tampone.

Come è impensabile trovare una buona giustificazione al fatto che sia spostata di novanta giorni un’ecografia a un un malato di cancro al pancreas.

«Queste sono verità, stanno morendo i poveri. Questa società sta uccidendo i poveri, coloro che non possono permettersi le attività sanitarie, un’alimentazione sana. Siamo in una deriva morale folle», ha affermato il dottor Bacco.

Ha ricordato che in molte patologie la tempestività è fondamentale «trenta secondi, un minuto di ritardo possono determinare la morte».

Il dottor Bacco ha concluso: «Medici, dove cavolo siete? Sappiamo che con molte patologie un ritardo di trenta secondi porta alla morte. Noi a queste persone facciamo un tampone perché abbiamo paura di infettarci con un virus che è assolutamente ridicolo? Medici, dignità».