banner
HomeItaliaEmilia Clementi: «2 mesi a cantare l'inno, w l'Italia e ora siamo...

Emilia Clementi: «2 mesi a cantare l’inno, w l’Italia e ora siamo nella mer*»

La protagonista del video è la siciliana Emilia Clementi, un personaggio già noto sui social, coniatrice dell’espressione “Fitusi politici”.

Non è un’artigiana qualunque e non è la prima volta che protesta contro il Governo ma il suo messaggio è indubbiamente condivisibile da tanti imprenditori.

Spesso si è resa protagonista di varie proteste contro il governo davanti a Montecitorio, ottenendo milioni di visualizzazioni.

Una settimana fa ha postato un nuovo video che ha raggiunto un milione e mezzo di utenti. Non sono mancate le critiche e le accuse di aver pubblicato il filmato solo per avere visibilità. Purtroppo, in questo periodo, molti italiani si trovano in situazioni simili e condividono giustamente le sue riflessioni.

Emilia Clementi: «Viviamo in dittatura»

La signora Clementi racconta di aver ricevuto un sollecito di una bolletta: «Non lavorando da marzo, e probabilmente fino a giugno, non capisco perché l’Enel mi manda il sollecito».

«Non mi sono arrivati i 600 euro, non mi date la possibilità di aprire la mia attività con le dovute misure di sicurezza. Noi stiamo vivendo nella dittatura assoluta», continua l’artigiana.

Segui Oltre Tv su Telegram e Google News

«Questa è la seconda fase, in tutti gli altri paesi europei hanno gradualmente riaperto. Non capisco perché il TG continui a dire che a maggio ci arriveranno le 800 euro. Come fanno ad arrivarci questi soldi se non ci sono arrivati i 600 euro? Siete tutti dei bugiardi, noi del popolo vi dovremmo querelare tutti, anche chi dà queste notizie false».

Poi ha spiegato che la sua attività ha solo cinque anni e senza aiuti dallo Stato non sa come pagare le bollette: «Voglio sapere da quel bugiardo di Conte com’è possibile che tutti gli altri aprono e noi artigiani, parrucchieri, estetisti, no. I bar che devono portare il caffè a domicilio, ma siamo nelle pazzia più totale».

«Io rimango qui con la mia sedia e sto ferma a protestare. Voglio aprire questo negozio e non ammazzarmi. Perché voi a me state dicendo questo: “devi morire a casa, non devi uscire, devi stare senza soldi“, questo è quello che ci dice il governo italiano. Che lo sappiano anche gli altri paesi europei», ha insistito.

«Non sono l’unica. Io e i miei colleghi siamo in mezzo alla me*da, dobbiamo chiudere. Come faccio a giugno ad aprire che mi tagliano la luce?», ha continuato Emilia Clementi.

Nessun aiuto, solo disperazione

Poi ha parlato dei famosi prestiti da 25mila euro alle aziende: «Come lo pago l’affitto se in banca, con il fatturato del 2018 e 2019, a una forfettaria minima danno 2000 euro? Vergognosi, dove sono questi prestiti a fondo perduto?»

L’artigiana continua a urlare: «Mi devi spiegare chi te le scrive le autocertificazioni, chi te li scrive questi ca**o di decreti. Sono inca**ata, non è più possibile vivere in questa dittatura. Fammi aprire».

«Mi avete rubato la mia attività, mi avete rubato tutto, mi avete reclusa a casa. In silenzio sono stata rispettosa due mesi a impastare pane, a stare a casa. Due mesi. A gridare “Evviva l’inno di Mameli, fratelli d’Italia, viva la famiglia, viva gli infermieri, viva i dottori“. E poi che ca**o faccio io? Devo chiudere!»

«Sono una professionista destinata a chiudere — ha concluso in lacrime indicando gli attestai nel negozio — guarda cosa ho fatto nella mia vita, ho studiato per fare questo. Guarda il mio negozio destinato a chiudere. Vergogna».

https://www.facebook.com/EmiliaClementiUfficiale/videos/717060215706753/