sfero banner
HomePoliticaLa faccia della Lorenzin quando Mattei parla dei conflitti e di fake...

La faccia della Lorenzin quando Mattei parla dei conflitti e di fake sui morti

Durante l’ultima puntata di Dimartedì il professore Ugo Mattei ha avuto un acceso dibattito con l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

“La ragione per la quale le persone sono preoccupate e stressate è che non c’è fiducia in una classe di Governo a causa dei conflitti d’interessi macroscopici e del gigantesco giro d’affari secretato che sta intorno a queste terapie vaccinali. La Lorenzin dovrebbe saperne qualcosa”.

Secondo Mattei: “Noi siamo in una situazione nella quale delle corporation globali, di un’importanza enorme, sono in grado di determinare i processi politici, attraverso l’intervento nelle carriere dei parlamentari, e quant’altro, ma soprattutto finanziano loro stessi agenzie di controllo”.

Per il professore le agenzie di controllo del farmaco sarebbero in grandissima misura nel taschino dei controllati. “Il conflitto di interesse le persone lo percepiscono, la fiducia di una classe politica si basa anche nel cercare delle persone che abbiano la schiena dritta e che cercano di fare le cose per bene”.

Lo scontro tra Ugo Mattei e Beatrice Lorenzin

Finito il discorso è intervenuta la Lorenzin: “Mi scusi Mattei, perché dovrei sapere del complotto delle commissioni delle case farmaceutiche? Per quale motivo?”

La risposta di Ugo Mattei: “Lei mi pare che sia venuta in televisione, qualche anno fa, a dire delle fake news circa le morti del morbillo, se non ricordo male”.

Mattei faceva riferimento alla frase pronunciata dalla Lorenzin nell’ottobre 2014, quando, ospite della trasmissione «Porta a Porta», disse: “Ricordo che, solo di morbillo, di epidemia di morbillo a Londra, cioè in Inghilterra, lo scorso anno (2013) sono morti 270 bambini”.

Negli anni ai quali si riferiva, e cioè nel 2013 e nel 2014, risultavano 1 e 0 decessi per morbillo. Qui i dati ufficiali del Governo britannico.

L’ex ministro ha replicato fingendo di non aver capito: “Non ci sono stati dei morti di morbillo? Non c’è stata un’epidemia di morbillo?”

Il professore non si è fatto intimidire e ha subito precisato: “Lei ha inventato i numeri dei morti di morbillo in Gran Bretagna”.

A questo punto la Lorenzin non sapeva più come uscirne e ha pensato bene di tirare fuori le vittime di covid: “Lei viene qui a fare la lezioni a milioni di persone con 130mila morti”. Lo scambio potete vederlo a questo link, dal minuto 1:44:00. Foto: La7