Digita per cercare

Italia

Figlio di Beppe Grillo accusato di stupro di gruppo: salta fuori pure un video

Condividi
figlio di beppe grillo

Finisce nei guai il figlio di Beppe Grillo, denunciato da una modella scandinava e indagato per un presunto stupro di gruppo.

Una modella di origine scandinave ha denunciato ai carabinieri di Milano quattro ragazzi genovesi per aver subito una presunta violenza di gruppo.

Uno degli indagati è Ciro, 19 anni, figlio di Beppe Grillo, famoso comico e garante politico del Movimento 5 stelle.

I fatti sarebbero avvenuti nella residenza estiva del comico a Porto Cervo dopo che la modella avrebbe incontrato i quattro ragazzi in una discoteca in Costa Smeralda.

Figlio di Beppe Grillo denunciato per stupro di gruppo: “era consenziente”

A riportare la notizia della denuncia del presunto stupro di gruppo sono stati i quotidiani “La Stampa” e “Il Secolo XIX“.

Gli indagati, oltre a Ciro Grillo, sono tre ragazzi figli di imprenditori, medici e professionisti, tutti di famiglie benestanti di Genova: Edoardo Capitta, Francesco Corsiglia e Vittorio Lauria.

Gli amici avrebbero conosciuto la modella di origine scandinave durante una serata in discoteca in Costa Smeralda.

Da qui le versioni diventano contrastanti: da una parte la denuncia della ragazza per stupro di gruppo, dall’altra la difesa dei quattro ragazzi che invece dicono che il rapporto sarebbe stato consenziente.

I carabinieri di Milano, a cui la ragazza ha sporto denuncia, hanno acquisito i cellulari e un video che però sembrerebbe non determinante ai fini della denuncia.

L’interpretazione del video infatti pare non sia univoca: per la vittima è la prova dello stupro di gruppo mentre per gli avvocati degli indagati confermerebbe il rapporto consenziente.

Ieri i quattro ragazzi sono stati interrogati per ore dal magistrato Laura Bassani, pm della procura di Tempio Pausania, titolare del fascicolo.

Sono ancora molti i punti da chiarire su questa vicenda, specie alcune debolezze nel racconto della ragazza come il ritardo della denuncia avvenuta dieci giorni dopo i fatti, al termine della sua vacanza. – Foto Facebook e Wikipedia