banner
HomeItaliaFrajese, differenza tra vaccini: ecco perché quelli a mRNA 'funzionicchiano'

Frajese, differenza tra vaccini: ecco perché quelli a mRNA ‘funzionicchiano’

Il Professore Giovanni Frajese, endocrinologo e docente presso l’Università degli Studi del Foro Italico di Roma, è stato intervistato da Fabio Duranti a RadioRadio.

“I miei colleghi si sono dimenticati completamente cos’è la medicina” ha detto. “Anzi – ha continuato – sembra proprio che questo pensiero monolitico abbia contemporaneamente cancellato le basi di qualunque capacità ragionativa”.

Secondo il professore: “Quando questa storia sarà finita la classe medica andrà un pochettino rivista, visto che vengono formati dalle case farmaceutiche attraverso le sperimentazioni, la possibilità di pubblicare e via dicendo”.

Nell’intervista Frajese ha spiegato la differenza tra i vaccini tradizionali e quelli con tecnologia mRNA.

Mentre con i vaccini tradizionali si ottiene un’immunità che dura quasi tutta la vita, il vaccino a mRNA non produrrebbe anticorpi per tutti gli antigeni ma soltanto, in questo caso, per la spike del virus Alfa.

“Dopo anni in cui il virus è mutato – ha spiegato – i miei anticorpi indotti dalla vaccinazione mRNA che cercano Alfa, non riconoscono ad esempio Omicron perché è una variante completamente diversa: stanno quindi cercando nel mio organismo un nemico che non c’è“.

Segui Oltre Tv su Telegram e Google News

L’intervento è stato ripreso anche da Francesca Donato. “Il Green pass induce a un obbligo surrettizio per costringere tutti ad assumere un farmaco che non può più funzionare” ha detto l’europarlamentare.