Digita per cercare

Spettacoli

Francesca Cipriani e la promessa hot a Salvini se supera il 40%

Condividi
francesca cipriani

Francesca Cipriani ha espresso il suo amore spassionato per la Lega e in particolare verso Matteo Salvini, ma il modo in cui ha scelto di farlo è davvero bizzarro.

Ci ha abituato in questi anni alle sue stranezze e ai suoi colpi di pazzia ma finora non si era mai buttata in politica.

Il suo curriculum televisivo è quasi imbarazzante, dalla Pupa e il secchione all’Isola dei famosi più le varie comparsate in quasi tutti i programmi trash esistenti.

La bella abruzzese è diventata fin troppo nota in televisione per la sua procacità e per i suoi innumerevoli interventi di chirurgia plastica, ora pensiamo però che abbia fatto un salto evolutivo.

Francesca Cipriani pronta a tutto per la Lega

Francesca Cipriani in una recente intervista radiofonica al programma “Un giorno da pecora” ha espressamente dichiarato il suo apprezzamento per Salvini.

Ha inoltre aggiunto che, se la Lega dovesse ottenere il 40% alle Europee lei potrebbe anche decidere di concedere un piccante streap tease.

Tante le soubrette votate alla causa, chi per un partito politico chi per una squadra di calcio.

Questo atteggiamento certo può essere semplicemente figlio di un modo per velocizzare la scalata al successo, un modo per far parlare di sé.

È difficile credere ad un vero interessamento di Francesca Cipriani verso un partito dovuto allo studio approfondito del programma politico o della condivisione delle linee guida di governo.

Certo esistono rarissimi casi come Gabriella Carlucci o Ombretta Colli, le altre non ci sentiamo di annoverarle nella lista dei parlamentari che sono passate dal mondo dello spettacolo alla camera del Parlamento.

Il più delle volte queste sono mosse per ottenere una facile ribalta. È risaputo che pur di avere successo molte donne dello spettacolo perdono anche il rispetto del proprio corpo e della propria persona.

Ma non perdiamo la speranza. Arriverà forse il giorno in cui le soubrette capiranno che un cervello funzionante rimane nella storia più di un seno al vento.