Digita per cercare

Mondo

Gioca con una fotocamera termica: vede qualcosa dentro di sé che non va

Condividi
fotocamera termica

Bal Gill non avrebbe mai pensato che una visita a un museo potesse rivelarsi fondamentale per la sua vita: tutto grazie a una fotocamera termica.

La donna, 41 anni, di Slough, Berkshire, era in vacanza con la famiglia a Edimburgo lo scorso maggio 2019 per visitare la Camera Obscura and World of Illusions.

La mostra consiste in molte attrazioni interattive, illusioni, enigmi, trucchi e altre esperienze che regalano effetti speciali.

Tra queste troviamo una sala dedicata alle fotocamere termiche, installata nel museo dal 2009, che è una delle principali attrazioni di Edimburgo.

La fotocamera termica salva la vita di Bal Gill

Questa particolare telecamera permette di vedere come cambiano le immagini a seconda delle variazioni di temperatura corporea.

Bal Gill, mentre si stava divertendo con la sua famiglia, ha notato una cosa strana: «Quando siamo entrati nella stanza, abbiamo iniziato a muovere le braccia per vedere le immagini create e mentre lo facevo, ho notato una “zona calda” nel mio seno sinistro, che nessun altro presente nella stanza aveva».

Incuriosita decide di scattare una foto per poi continuare la visita al museo senza farsi prendere dal panico.

Solo qualche giorno dopo, mentre riguardava le foto della visita alla mostra, vedendo quella particolare immagine ha cercato informazioni su internet.

Ha scoperto così la correlazione che può esserci tra termografia e tumore al seno e ha deciso di mostrare la foto a un medico che purtroppo non ha potuto che confermare i suoi dubbi.

Bal Gill aveva un carcinoma mammario ma fortunatamente allo stato iniziale. Negli scorsi mesi la donna ha dovuto subire due interventi ma grazie alla tempestività della scoperta della malattia nessuna altra cura si è resa necessaria.

«Senza quella termocamera non lo avrei mai scoperto, posso dire che la visita alla Camera Oscura mi ha davvero cambiato la vita», racconta la protagonista di questa storia a lieto fine.

La radiologa Maura Tonutti a Il fatto Quotidiano ha spiegato che «è un caso fortunatissimo. La termografia può rilevare la presenza di un’area di aumentata temperatura ma non è l’esame che si usa per la diagnosi del carcinoma». – Foto collage FacebookPixabayWikipedia