HomeMondoGravidanza condivisa: nasce dopo essere stato nel grembo di due lesbiche

Gravidanza condivisa: nasce dopo essere stato nel grembo di due lesbiche

Due donne hanno scelto di avere un figlio con la gravidanza condivisa, un metodo che permette a entrambe di portare il bambino in grembo.

Jasmine e Donna Francis-Smith, di 28 e 30 anni, sono una coppia lesbica britannica che ha deciso di ricorrere a una procedura innovativa per avere un figlio.

Si chiama gravidanza condivisa e consiste in un metodo rivoluzionario che ha permesso a entrambe le donne di portare in grembo il proprio figlio.

Sono state la prima coppia di tutto il Regno Unito ad avere un figlio con questa procedura: Otis è nato due mesi fa in un ospedale dell’Essex.

Come funziona la gravidanza condivisa?

Fino a poco tempo fa solo una componente della coppia avrebbe partecipato attivamente alla gravidanza, mentre l’altra al massimo avrebbe potuto essere la donatrice di ovuli.

In questa particolare tecnica la gravidanza è condivisa. Infatti normalmente, dopo la fecondazione, l’incubazione dell’ovulo avviene artificialmente prima di essere impiantato sulla donna che porta avanti la gravidanza.

Per la prima volta in Italia
persone e organizzazioni si stanno unendo
in un progetto innovativo e rivoluzionario
Unisciti anche tu, clicca qui

La coppia ha scelto però un metodo diverso. Infatti Donna Francis-Smith ha donato gli ovuli che sono stati fecondati in laboratorio ma non sono stati incubati artificialmente.

La differenza nella gravidanza condivisa è infatti nel processo di incubazione. Non si ricorre a quella artificiale, in laboratorio, ma è stata la stessa Donna a incubare l’ovulo fecondato.

Dopo la fecondazione hanno nuovamente inserito la capsula nell’utero di Donna. Dopo 18 ore, hanno impiantato l’ovulo nell’utero di Jasmine che ha portato a termine la gravidanza.

«Siamo contente che abbia funzionato così bene e che le informazioni siano disponibili. Aiuterà le persone in futuro: questa procedura ti avvicina perché entrambe sentiamo un legame col figlio», dice Donna Francis-Smith.

Non è la prima volta al mondo che viene applicata questa procedura. Infatti già nel 2018 una coppia texana omosessuale era ricorsa a questo tipo di fecondazione portando a termine la gravidanza. – Foto Facebook