sfero banner
Home Mondo Guido Silvestri smonta la fake news di Burioni sui "bambini" morti in...

Guido Silvestri smonta la fake news di Burioni sui “bambini” morti in USA

Il virologo e professore alla Emory University di Atlanta Guido Silvestri ha dato una lezione al collega Roberto Burioni – e alla stampa in generale – su come andrebbe data una notizia. 

Nonostante le tante difficoltà e tutti i problemi non ancora risolti, tra pochi giorni ci sarà la riapertura della scuola.

Ai dubbi dei genitori ha provato a rispondere il virologo e professore Roberto Burioni, diventato famoso per la sua battaglia contro i novax.

Il professore ha portato come esempio ciò che sta accadendo negli Stati Uniti, dove si sono verificati diversi casi che riguardano bambini.

“Possiamo dire che in grandissima parte i bambini non hanno gravi conseguenze da COVID-19: la loro malattia decorre quasi sempre in maniera clinicamente lievissima” ha scritto Burioni.

Poco sotto ha aggiunto: “Negli Usa si sono ammalati 476 mila bambini, 4.163 sono finiti in ospedale e 101 sono morti. Questi sono i numeri, nudi e crudi: la valutazione può farla autonomamente ognuno di voi”.

I numeri sono subito stati utilizzati nei titoli di giornali come Repubblica e Fanpage.

burioni

La spiegazione del virologo Guido Silvestri

A contestualizzare i dati sulle morti pediatriche ci ha pensato il collega Guido Silvestri, virologo italiano attualmente docente negli Usa alla Emory University di Atlanta.

Il virologo ha precisato: “Per «morti pediatriche» si intende la fascia di età tra 0 e 20 anni in 2 stati, tra 0 e 19 anni in 24 stati, tra 0 e 18 anni in 2 stati, tra 0 e 17 anni in 21 stati, e tra 0 e 14 in Florida. Quindi l’uso del termine «bambini» va sostituito con il termine «morti pediatriche», specificando il range di età”.

Poi è passato ad analizzare i dati dell’APP (associazione americana di pediatria): “I casi totali pediatrici di COVID-19 al 27 agosto sono stati 476.439, con 4.163 ricoveri ospedalieri ed appunto 101 decessi. Da questi numeri si desume che la CFR (case fatality rate) di COVID-19 pediatrica negli USA è di 0,02%“.

Ma c’è di più. Secondo quanto ha ricordato il virologo Silvestri,nella stagione 2019-2020 le morti pediatriche di influenza negli USA sono state 188 (fonte CDC)”.

USA: Covid 0,3-0,6% della mortalità pediatrica totale

“La media dei morti negli USA ogni anno – ha continuato il ricercatore – per la fascia di età tra 0 e 18 anni, sempre secondo il CDC, oscilla tra 35.000 e 40.000 (nel 2017, ultimo anno di cui ho trovato i numeri finali, ci sono state 31.786 morti fino a 14 anni, con altre 32.025 morti per la fascia tra i 15 ed i 24 anni)”.

In conclusione “facendo un pro-rating su base annuale (bisogna infatti considerare che siamo solo a 7 mesi dall’esordio della pandemia), il COVID-19 rappresenterebbe lo 0,3-0,6% della mortalità pediatrica totale negli USA”.