Digita per cercare

Costume e Tempo libero

Hayao Miyazaki: ecco i film usciti su Netflix per riflettere in quarantena

Condividi
hayao miyazaki

Esce oggi su Netflix l’ultima serie di film della Studio Ghibli tra i quali ce ne sono alcuni di Hayao Miyazaki che parlano di ambientalismo.

L’animazione è un genere cinematografico che abitualmente consideriamo per bambini ma in Giappone il discorso cambia.

Ne è un esempio il cinema di Miyazaki, il più celebre fondatore della Studio Ghibli. In ogni suo film ci sono richiami al pacifismo e all’ambientalismo.

Specialmente alcune produzioni sono considerate un vero grido d’allarme contro la follia umana e la distruzione del mondo.

L’ambientalismo come tematica centrale nel cinema d’animazione di Hayao Miyazaki

Hayao Miyazaki è un vero attivista: ad esempio, dopo il disastro di Fukushima, la Studio Ghibli ha disdetto il contratto con la società nazionale che gestisce la centrale.

In tutta la sua filmografia ci sono riferimenti all’emergenza ambientalistica e al fatto che la salvezza del nostro ecosistema sarebbe nelle mani dei bambini, dei giovani e dei puri di cuore.

Inoltre la magnificenza della natura e dell’amore in contrasto con la sete di potere da parte dell’umanità fa da scenografia alle vicende narrate.

In molti dettagli Hayao Miyazaki sembra essere stato profetico: già negli anni ’80 immaginava un futuro distopico o post-apocalittico in cui la natura aveva ritrovato la pace senza la presenza dell’uomo.

Osservando oggi le nostre città deserte a causa del coronavirus sembra difficile non comprendere le anticipazioni dell’artista giapponese.

I film da menzionare che maggiormente rappresentano il manifesto ambientalista di Hayao Miyazaki sono: “Nausicaa della Valle del vento” (1984); “Laputa – Castello nel cielo” (1986); “Il mio vicino Totoro” (1988); “Principessa Mononoke” (1997); “La città incantata” (2001). Questi sono già usciti su Netflix tra Febbraio e Marzo.

Da oggi del maestro giapponese potrete anche trovare: “Il castello errante di Howl” (2004); “Ponyo sulla scogliera” (2008); “Si alza il vento” (2013).

La quarantena ci costringe in casa. Cogliamo questo periodo per riflettere anche sulle tematiche ambientaliste rappresentate dal cinema di Hayao Miyazaki.