Digita per cercare

Politica

Hollijwer Paolo (FdI) il post su Peppa Pig e il Pd: «Partono le querele»

Condividi
Hollijwer paolo

Il capogruppo di Fratelli d’Italia del II Municipio di Roma Hollijwer Paolo annuncia di aver preso provvedimenti legali contro tutti quelli che in queste ore lo stanno ingiuriando sui social.

Paolo, in una nota pubblicata su Romapolitica, scrive che “da giorni sono sotto attacco su Facebook per un post pubblicato venerdì 12 luglio sul mio profilo privato. Il post riguardava un’immagine ritraente un personaggio dei cartoni animati con una frase generica, nata da una situazione del tutto personale”.

E aggiunge che quanto da lui pubblicato (un disegno di Peppa Pig con la scritta “Pensavo fosse solo un personaggio dei cartoni animati, invece ho scoperto che esiste in carne ed ossa. So dove si può incontrare”) è stato usato strumentalmente contro di lui.

“Il post in questione è stato fotografato e utilizzato da un’esponente romana del Partito Democratico per accusarmi pubblicamente di aver usato il disegno in questione per offendere personalmente l’Assessore del Municipio II Lucrezia Colmayer” scrive ancora Paolo

Che ricorda poi come tale fatto “ha dato vita a una catena di insulti nei miei confronti e parole lesive e ingiuriose della mia persona”.

Il consigliere del partito di Giorgia Meloni riferisce in proposito di essere stato tacciato “di comportamenti sessisti e misogini da parte di esponenti dello stesso Partito Democratico”.

E sulla sua pagina Facebook condivide uno screenshot del post incriminato, in cui tra l’altro si legge: “Oltre ad essere le solite m… fasciste, siete pure degli sfigati. Nun fa ride”.

Molti, comunque, i messaggi di solidarietà al consigliere Paolo. Tra essi il seguente: “Ti conosco bene. So che non offenderesti mai una donna con questi mezzi beceri. Piuttosto mi sembra l’ennesimo tentativo subdolo di gettare fango su una persona con false interpretazioni e accuse”.

La reazione di Hollijwer Paolo (FdI) alle offese ricevute

Nel respingere le accuse, il consigliere di Fratelli D’Italia afferma di essere sdegnato. E precisa che “in nessun modo il mio post è riconducibile a persone con incarichi politici”.

Quanto poi al suo modo di gestire la sua attività pubblica, ricorda di aver “sempre fatto opposizione in modo esplicito e pubblico. E questo sia nelle sedi istituzionali, sia sui social e sugli organi di stampa.”

Quindi conclude: “per questi motivi darò mandato ai miei legali di procedere con querele sia nei confronti della persona che ha innescato la catena di insulti nei miei confronti, sia contro tutti coloro che hanno condiviso” le sue affermazioni. In molti casi “aggiungendo offese, insulti e ingiurie”.

Questo per “preservare la mia onorabilità e il mio ruolo istituzionale”. E anche perché “gli scontri politici possono pure essere aspri. Ma non devono mai travalicare determinati confini”.