sfero banner
HomeMondoKevin Strickland: in carcere per 43 anni per un errore giudiziario

Kevin Strickland: in carcere per 43 anni per un errore giudiziario

Un giudice ha ordinato il rilascio di Kevin Strickland, ponendo fine a uno degli errori giudiziari più lunghi della storia degli Stati Uniti.

Kevin Strickland, 62 anni, è stato in prigione per 43 anni, dopo essere stato condannato per presunto omicidio di tre persone nel 1978. Tuttavia, alcuni aspetti della condanna sono stati esaminati e ci sono state controversie sul caso.

Ora il giudice James Welsh ha emesso una sentenza che scagiona Strickland e ha dichiarato che la condanna era viziata. Il giudice Walsh ha rilasciato una dichiarazione sul motivo per cui ha scelto di scagionare Strickland: “In queste circostanze uniche, la fiducia della Corte nella condanna di Strickland è così minata che non può reggere, e la sentenza di condanna deve essere annullata. Lo Stato del Missouri libererà immediatamente Kevin Bernard Strickland dalla sua custodia“.

Nel 1979, Strickland fu dichiarato colpevole di aver sparato e ucciso Larry Ingram, John Walker e Sherrie Black a Kansas City, nel Missouri. L’incidente è avvenuto durante un’irruzione in casa. Tuttavia, Strickland, che all’epoca aveva 18 anni, ha detto che era a casa sua quando è stato commesso il crimine.

Kevin Strickland

La condanna di Strickland si basava principalmente sulla testimonianza fornita da un testimone oculare di nome Cynthia Douglas. Non sono state trovate prove fisiche sulla scena del crimine che collegassero Strickland agli omicidi. Negli anni anche Douglas ha cercato di ritrattare la sua testimonianza, ma Strickland è rimasto in prigione.

Secondo l’ufficio del procuratore generale del Missouri, non c’erano prove che Douglas avesse effettivamente cercato di ritrattare la sua testimonianza. Ma dopo ripetuti processi, il giudice Walsh si è pronunciato a favore di Strickland e ne ha ordinato l’immediato rilascio.

Il portavoce del procuratore generale, Chris Nuelle, ha dichiarato a Fox 4 KC di aver condiviso il motivo per cui l’ufficio ha voluto confermare la condanna: “In questo caso, abbiamo difeso lo stato di diritto e la decisione che una giuria ha preso dopo aver ascoltato tutti i fatti del caso. La Corte si è pronunciata, non saranno presi ulteriori provvedimenti in merito“.

Strickland ha detto al Washington Post che la prima cosa che intende fare dopo essere stato rilasciato dal carcere è vedere la tomba di sua madre. Foto: YouTube