Digita per cercare

Italia

Gli lasciano questo tubo nello stomaco: lo aveva sentito durante l’anestesia

Condividi
tubo nello stomaco

Roberto Re ha vissuto sei anni con un tubo nella stomaco e ha voluto raccontato ai microfoni di Storie Italiane, programma in onda su Rai Uno condotto da Eleonora Daniele.

Roberto si presenta in studio con il tubo che ha tenuto all’interno dello stomaco per sei anni, la conduttrice lo mostra alle telecamere e inizia l’intervista.

Il signor Re ha dovuto subire un intervento in endoscopia per una colecisti. Per questo tipo di intervento sono stati adoperati due tubi, uno di questi, lungo trenta centimetri, è stato dimenticato nello stomaco.

“Nel momento dell’estrazione – racconta Roberto – hanno sbagliato a estrarre i tubi. Prima hanno estratto il grosso ma, estraendo il grosso, hanno sganciato il piccolo”.

Un tubo nello stomaco lasciato dall’equipe medica

La conduttrice mette a confronto un tubo nuovo con quello che il povero Re ha tenuto sei anni nella pancia. La differenza è davvero notevole: il nuovo quasi trasparente e quello di Roberto completamente scuro.

Di errori in campo medico ce ne siamo occupati spesso ma in questo caso, a rendere ancora più grave la vicenda, è il fatto che l’intervento sia stato compiuto da una equipe.

Ovviamente questo spiacevole incidente ha portato forti dolori al signor Roberto, che nessuno, in sei anni, è stato in grado di risolvere. Pur facendo lastre ed ecografie per capire le cause di tanto dolore, il tubo di plastica non si riusciva a vedere.

Nel dibattito in studio si è paventata anche l’ipotesi che qualcuno dell’equipe abbia notato l’errore e lasciato correre. Un medico, ospite della puntata, dopo aver chiarito che questi casi sono lo zero virgola, ritiene questa ipotesi fin troppo azzardata, letteralmente “pazzesca”.

E qui arriva il bello perché, mentre il medico difende la categoria, Roberto prende la parola e dice: “Mi stavo risvegliando dall’anestesia quando sento gridare un infermiere che dice all’altro «stai sbagliando ad estrarre i tubi, devi estrarre prima il grosso poi il piccolo» […] secondo me si è spaventato, mi ha rinfilato il tubo dentro e sganciato il piccolo”.

Oltre il danno la beffa. Roberto ha fatto causa ma il caso è stato archiviato. Ora il suo avvocato ha fatto opposizione e chissà se riusciranno a ottenere un risarcimento. Qui il racconto di Roberto a Storie Italiane.