sfero banner
HomeItaliaLicia Rozzulli offende milioni di italiani e il web insorge

Licia Rozzulli offende milioni di italiani e il web insorge

Durante l’ultima puntata di Diritto e rovescio la senatrice Licia Rozzulli ha offeso milioni di italiani che hanno scelto di non vaccinarsi. 

Ieri sera è andata in onda una nuova puntata di Diritto e rovescio, il programma condotto da Paolo Del Debbio su Rete 4. Tra gli ospiti in studio c’erano: Cecchi Paone, i giornalisti Cruciani, Belpietro e i politici Fiano (Pd) e Rozzulli (FI).

Si è discusso della protesta di Trieste, Green Pass e vaccini. A proposito dei non vaccinati, la senatrice Rozzulli ha detto che si tratta di “una sparuta minoranza che vuole mettere a ferro e fuoco il Paese”.

Poi li ha definiti “opportunisti, irresponsabili e parassiti”. Parole durissime che hanno portato centinaia di persone a commentare sul suo profilo social.

Il web risponde alla senatrice Licia Rozzulli

“Cara signora – ha scritto Rossana – le vorrei ricordare che i parassiti da lei nominati sono quelli che, con il sudore della loro fronte, le pagano lo stipendio per fare la bella vita e, ahimè, distruggere il Paese. Si vergogni. Mi rappresenta sicuramente di più Montesano che lei!”.

Tra i vari commenti c’è anche quello di un elettore di destra vaccinato. “Da persona che vota a destra da 30 anni (compreso Berlusconi) e da vaccinato dotato di Green Pass, la trovo PENOSA!”.

E ancora: “Abbiate il rispetto di quelli che non la pensano come voi, non avete in tasca la verità assoluta , come non ce l’hanno gli altri, però la vostra prepotenza verbale è quanto di peggio si possa vedere in TV, soprattutto perché viene da un potere che vi ha dato il popolo, non Gesù Cristo. Scendete da quello scranno”.

Ci sono oltre 3mila commenti e la maggior parte sono negativi. Durante la puntata la senatrice ha ribadito di essere favorevole all’obbligo vaccinale, confermando alcune sue recenti dichiarazioni.

“Se il numero di vaccinati non aumenterà a breve – aveva detto durante la visita presso un hub di Andria – sarà necessario pensare a introdurre l’obbligo perché il rischio è quello di lasciare un pericolosissimo spiraglio al virus e non possiamo permettercelo”. Foto: Mediaset Play