sfero banner
HomePoliticaMagistrato contro Draghi: i numeri del video possono spaventare il premier

Magistrato contro Draghi: i numeri del video possono spaventare il premier

Ex magistrato contro Draghi: “Nessuno ti ha eletto, ma decidi la vita delle persone. Perché proprio tu, Mario Draghi?” A porre l’interrogativo è stato Edoardo Vitali, Magistrato in pensione, Direttore de L’Alfiere e Presidente di Sud e Civiltà.

“Sei salito sul panfilo Britannia? Bravo! Davanti ai delegati della City di Londra, che non sono certo benefattori dell’umanità. E hai esaltato le privatizzazioni. Quello che fai meglio, come ha detto il Vice Presidente Emerito della Corte costituzionale Paolo Maddalena, è spostare la ricchezza dal patrimonio pubblico a quello dei privati, offrendo agli speculatori italiani e stranieri a prezzi stracciati i beni più importanti per la vita della comunità. Infischiandotene dell’art. 43 della Costituzione. Cosa vale il tuo giuramento? E infatti sotto di te è morta l’Alitalia”.

Dopo aver ricordato che Draghi aveva lavorato per la Goldman Sachs, “una spietata società finanziaria”, ha detto che come presidente della BCE avrebbe strozzato la Grecia provocando lacrime e sangue.

“Tuo figlio segue le tue orme – ha aggiunto – ha lavorato nella Morgan Stanley e ora in un fondo speculativo. Che coincidenza, anche Mario Monti, che pure ha lavorato nella Goldman Sachs, ha un figlio nella Morgan Stanley. Che tenerezza!”

Magistrato contro Mario Draghi

Poi ha commentato il possibile incarico come Presidente della Repubblica. “Adesso ti vogliono al Quirinale. Tu, che rappresenti proprio valori opposti a quelli tutelati dalla Costituzione!”

Secondo Vitali al governo servirebbero “persone veramente interessate al bene comune, e invece mettono quelli che stanno al servizio dei riccastri che giocano a cambiare il mondo coi soldi della gente onesta”.

L’ex magistrato è stato critico anche con l’attuale ministro degli Interni, che “prende in giro il popolo italiano dichiarando che il famoso poliziotto in borghese con la maglietta grigia voleva testare la capacità ondulatoria del furgone”.

Quindi ha spostato l’attenzione sui governanti, che vieterebbero alla gente di esprimere le proprie opinioni, diffondendo “odio verso chi la pensa diversamente ed esercita il diritto di scegliere”.

Vitali ha ricordato che molti politici e dirigenti pubblici hanno partecipato alle riunioni del Bilderberg e alla Commissione Trilaterale.

“Chi vi partecipa non dovrebbe assumere funzioni pubbliche. E invece pretendono di decidere i destini dei popoli e di mettere nei governi i loro uomini più cinici. E la stampa, anziché denunciare questo furto di sovranità popolare, li aiuta, infischiandosene della verità!”

“Vattene e lascia stare la vita della gente”

Nessun dubbio per l’ex magistrato: i veri disertori non sarebbero i non vaccinati ma coloro che avrebbero sfasciato la sanità. “Addirittura progettano di continuare a demolirla! Queste cose non le vedete, non le capite? Non sapete distinguere un passero da un avvoltoio?”

E ancora: “Parlano di pandemie continue, e in tema di emergenza ecologica già dicono che la sanità inquina troppo. Ah, ecco perché, invece di migliorarla, la tagliano. Ma sì, d’ora in poi niente più cure, solo vaccini. Per sempre. E per chi è colpito dagli effetti collaterali dei vaccini, solo censura e abbandono. Polvere umana da nascondere sotto il tappeto”.

La vera disgrazia “è che molti continuano a fidarsi di questa gente che serve solo il profitto! Magari hanno fatto scelte fondate sulla comodità o sulla paura e ora per loro la verità è un disturbo. Eppure basterebbe aprire gli occhi!”.

Infine ha concluso invitando le persone ad alzarsi in piedi e dire basta: “I destini del mondo non li possono decidere questi uomini di plastica, servi delle oligarchie più spietate. Draghi, il popolo ti ha capito e sa chi ti ha mandato. Vattene e lascia stare la vita della gente. Giù le mani dalla bellezza del mondo. Per gli adoratori del dio denaro non vale niente, per noi è la vita”.

Il video ha già totalizzato 600.000 visualizzazioni su Facebook e 80.000 su YouTube. Oltre 50.000 persone lo hanno condiviso.