Digita per cercare

Spettacoli

“C’è il Ramadan. Come fai?”: la risposta di Mahmood che sorprende tutti

Condividi
Mahmood

Tutti si ricordano di Alessando Mahmood, il vincitore della passata edizione del festival di Sanremo con la canzone “Soldi”.

Il cantante italo egiziano è salito alle luci della ribalta più per il polverone mediatico attorno al suo personaggio che per le sue doti canore.

Il cantante Ultimo, arrivato secondo, fece un video dove sfogò la sua rabbia perché era stato scelto come vincitore dal televoto, mentre il voto della giuria di Sanremo ha ribaltato il verdetto.

Il povero Mahmood è finito nella solita polemica italiana, diventando il capro espiatorio dell’eterna guerra tra destra e sinistra.

Da una parte quelli che accusavano la giuria di averlo fatto vincere per fare uno sgarro a Salvini, dall’altra quelli che facevano i salti di gioia per l’immigrato islamico nordafricano che trionfa in Italia.

Mahmood però è riuscito spesso a zittire tutti, dichiarando di sentirsi italiano al 100% e contraddicendo coloro che cercavano di portarlo a denunciare il razzismo in Italia: “Ma quale razzismo, c’è rispetto in Italia“.

Alessandro in questi giorni si trova a Tel Aviv, in Israele, dove parteciperà al concorso Eurofestival song contest e le voci di corridoio parlano di una sua probabile vittoria.

Ti potrebbe interessare anche Joe Bastianich lascia Masterchef dopo 8 anni: ecco dove potrebbe andare

Mahmood e la domanda imbarazzante

Prima della finale di sabato i giornalisti hanno intervistato Mahmood, ai quali ha risposto abbozzando un inglese maccheronico tipico degli italiani.

Ricordiamo che il cantante è nato e cresciuto in Italia tra Milano e Sardegna, da una mamma italiana e un babbo egiziano con il quale non ha più rapporti da anni, come racconta nella sua canzone.

Durante la conferenza stampa arriva la domanda che tutti aspettavano: “Adesso c’è il Ramadan. Mi domando se anche tu partecipi al Ramadan e come fai?” e qui la risposta che nessuno si aspettava:Non partecipo, sono cristiano“.

Questa affermazione potrebbe far passare Mahmood da idolo indiscusso del pubblico a semplice meteora della canzone italiana.

Prima di lui sono stati molti i personaggi che, una volta dichiarata la loro fede cristiana, sono scomparsi dalla scena come ad esempio Jim Caviziel protagonista de “La passione di Cristo” di Mel Gibson. Sarà anche il suo caso? Staremo a vedere.