Digita per cercare

Politica

Malan: «Nove cose da sapere sul referendum» l’ultima è da brividi – Video

Condividi
referendum

Il senatore Lucio Malan (FI) ha elencato nove cose da sapere sul Referendum Costituzionale del 20 e 21 settembre.

Domenica si voterà non soltanto per scegliere il futuro governatore di alcune regioni italiane ma anche per il taglio dei parlamentari.

Il dibattito è stato molto acceso e, a quanto pare, in queste ultime settimane la rimonta del No potrebbe regalare qualche brutta sorpresa ai sostenitori del .

Tra i promotori del No c’è anche il senatore Lucio Malan che, in poco più di 3 minuti, ha elencato 9 cose da sapere sul Referendum Costituzionale.

Lucio Malan e le 9 cose da sapere sul Referendum Costituzionale

Al primo punto c’è la questione risparmio: 57 milioni. Una cifra importante? Non proprio. Equivarrebbe infatti – e qui passiamo al punto due – a quanto lo Stato spende ogni 32 minuti e 45 secondi.

Al terzo punto una questione molto discussa: l’adeguamento o meno agli standard europei. “L’Italia – dice il senatore – oggi è tra i 5 Paesi europei che ha meno parlamentari in rapporto alla popolazione”.

Con la riduzione dei parlamentari andremmo a finire all’ultimo posto insieme alla Germania, che però “ha molti più consiglieri regionali ed è uno Stato federale”.

Tutti o quasi i promotori del Sì hanno evidenziato il fatto che, avendo meno parlamentari, questi saranno certamente più efficienti.

E qui arriviamo al punto quattro. Malan spiega che l’efficienza non consiste nel fare tante leggi e male, come spesso avviene, ma piuttosto nel controllare che vengano fatte bene.

E non ci sarà nemmeno una riduzione equa (punto cinque). “I senatori del Trentino Alto Adige vengono ridotti del 14%, quelli della Basilicata e dell’Umbria del 57%. Il Trentino Alto Adige avrà un senatore ogni 170mila abitanti e le regioni ne avranno di media uno ogni 310mila”.

L’obiettivo finale

Al punto sei si parla dei senatori a vita che, da questa riforma non verranno ridotti per niente e anzi, in proporzione, peseranno di più.

Al punto sette un pò di storia: “L’Italia non ha mai avuto un numero di senatori e deputati così basso, nonostante sia molto più popolata che in passato”.

Benito Mussolini ridusse i parlamentari a 400 ma c’erano 40 milioni di italiani e un solo partito. Tra l’altro, puntualizza Malan, “i senatori erano più di oggi”. 

Il punto otto riguarda una futura legge elettorale che potrebbe migliorare la rappresentanza che questa riforma andrebbe a diminuire.

“Non sappiamo chi la farà e come la farà. Ci potrebbe anzi essere una legge elettorale fortemente maggioritaria, dove anche solo col 40 – 45% dei voti, puoi ottenere più dei due terzi dei seggi. A quel punto chi avrà la maggioranza, e non sappiamo chi sarà, potrà cambiare la Costituzione”.

Nell’ultimo punto Malan spiega quello che secondo lui è l’obiettivo finale della riforma. “L’ha detto chiaro Davide Casaleggio: l’abolizione del Parlamento. Ha detto «la democrazia rappresentativa sarà un ricordo del passato». Non c’è un Paese al mondo libero e democratico senza Parlamento. Ecco perché dobbiamo votare NO”.

9 cose da sapere sul Referendum Costituzionale del 20 e 21 settembre – Per chi ha fretta

📌9 cose da sapere sul Referendum Costituzionale del 20 e 21 settembre – Per chi ha fretta!🏃🏻📌Per ulteriori approfondimenti ⤵️⤵️⤵️⤵️⤵️⤵️ Https://www.luciomalan.it/referendum-20-21-settembre/

Posted by Lucio Malan on Wednesday, September 16, 2020