sfero banner
HomeItaliaManifesto funebre fa discutere per una frase "novax" del figlio del 65enne

Manifesto funebre fa discutere per una frase “novax” del figlio del 65enne

Un manifesto funebre sta suscitando grandi polemiche. Il figlio di un 65enne morto per Covid ha voluto far scrivere sul manifesto che il padre era deceduto a causa di complicazioni portate dal Sars-CoV-2 nonostante avesse fatto entrambe le dosi del vaccino previste fino ad ora dal protocollo.

L’episodio è avvenuto a Napoli. “È mancato con tutte le 2 dosi di vaccino fatte”. Così i familiari hanno voluto annunciare la morte di un 65enne, Eduardo, soprannominato “Barry White”.

La volontà è stata comunicata al titolare delle onoranze funebri, Gennaro Tammaro, che ha consultato il suo legale e poi ha fatto pubblicare i manifesti dopo la espressa richiesta formulata dai familiari dell’uomo.

I manifesti sono comparsi in alcune zone della città, tra Fuorigrotta e Bagnoli e vicino piazza Carlo III, dove era evidentemente conosciuta la vittima. Il manifesto è stato notato da diversi cittadini e poi condiviso sui social.

Manifesto funebre: parla il figlio

Per far luce sulla vicenda il giornale online Fanpage è riuscita a contattare il figlio della vittima. Ai giornalisti l’uomo ha spiegato che il padre non aveva nessuna patologia pregressa, inoltre non beveva e non fumava. Il Covid però pare lo abbia colpito in maniera grave, per cui Eduardo è spirato nonostante avesse adempiuto alla vaccinazione.

Mio padre è morto di Covid. Prima di infettarsi stava bene. Ero arrabbiato e nel pieno della disperazione, chiesi all’agenzia di pompe funebri di far scrivere questa cosa”. Ha spiegato il figlio Carmine, dicendo che ha voluto far scrivere la frase anche perché l’esperienza di suo padre con il vaccino Covid è stata negativa.