Digita per cercare

Politica

Matteo Mantero, M5s: «Voterò NO» e smonta la argomentazioni di Di Maio

Condividi
matteo mantero

Il Senatore del Movimento Cinque Stelle Matteo Mantero voterà “No” al referendum confermativo sul taglio dei parlamentari.

“Tagliare il numero dei parlamentari, esattamente come la finta abolizione del Senato di Renzi, va nella direzione di accrescere ancora il potere del Governo depotenziando la rappresentanza dei cittadini”.

Sono le parole di Matteo Mantero, senatore del M5S che ha scelto di schierarsi con il fronte del “No” sul taglio dei parlamentari.

“Per essere più chiari – aggiunge – i governi vogliono essere liberi di agire senza che nessuno gli rompa i cog***ni. Per questo da cittadino voterò NO al taglio dei parlamentari”.

Matteo Mantero: “Abbiamo bisogno di parlamentari forti, liberi”

Parole che non lasciano spazio a interpretazioni. Mantero sottolinea di non avere alcun interesse personale in quanto la sua esperienza politica finirà con questo mandato.

Poi spiega che, in realtà, un interesse ce l’ha eccome: “Da cittadino voglio un Parlamento forte, che difenda i miei interessi e diritti”.

Secondo il senatore del Movimento 5s “più saranno i parlamentari e più mi saranno vicini (con circoscrizioni piccole) più sarò rappresentato e più avrò la certezza che non ci sarà una deriva antidemocratica”.

Dopo aver criticato la casta e quei politici che hanno svilito il Parlamento, continua a spiegare le sue ragioni dicendo che il problema non è il numero. “Abbiamo bisogno di parlamentari forti, liberi, scelti direttamente da noi”.

Quelli che resteranno fuori “non saranno gli assenteisti o i voltagabbana o quelli che mostrano il medio agli elettori, questi sono funzionali al sistema e ai partiti. Quelli che resteranno fuori saranno quelli con la schiena dritta perché sono una spina nel fianco per i partiti e i governi ai quali impediscono di fare ciò che più aggrada loro”.

E conclude: “Riducendo il numero dei parlamentari facciamo ciò che il “sistema” vuole: togliere potere al popolo”. Foto: YouTube