Digita per cercare

Mondo

Medico e senatore americano: «Falsificano i morti per aumentare la paura»

Condividi
medico senatore americano

Hanno fatto scalpore le dichiarazioni di Scott Jensen, medico e senatore americano, sulle nuove linea guida per la compilazione dei certificati di morte.

Il dottor Scott Jensen è un medico e senatore repubblicano dello stato del Minnesota. Ha rilasciato due interviste, una a Fox News e una a KX4, nelle quali pone pesanti dubbi sulla narrazione ufficiale fatta da istituzioni e media sul coronavirus.

Durante le due trasmissioni il medico americano ha esposto perplessità sulle nuove linee guida dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) per la compilazione dei certificati di morte.

Il dottor Jensen trova queste nuove direttive “ridicole” perché potrebbero indurre a errori. Ma non si è limitato a criticare solo questo aspetto nell’emergenza in corso.

Medico e senatore americano lancia pesanti accuse

«Venerdì scorso ho ricevuto un documento di sette pagine che mi diceva che se dovessi avere un paziente di 86 anni con la polmonite, non sottoposto al tampone per la Covid-19, e dovessimo sapere che ha avuto un contatto con suo figlio, asintomatico, ma in seguito risultato positivo alla Covid-19, sarebbe appropriato diagnosticare sul certificato di morte “Covid-19″», racconta a KX4 il dottor Jensen.

Infatti nelle linee guida è indicato di riportare “probabile” o “presuto” Covid-19 sui certificati di morte se non si può fare una diagnosi ma c’è il sospetto di contagio.

«Se qualcuno contrae una polmonite e siamo nel mezzo di una pandemia di influenza e non ho eseguito il tampone, non diagnostico influenza sul certificato di morte. Dichiarerei che questo anziano è morto di polmonite», ha continuato il medico americano.

Per il dottor Jensen quindi la novità è contraria al metodo usato solitamente dal CDC che chiede ai medici di concentrarsi su “precisione e specificità”. «Hanno sempre detto di scrivere solo i fatti e non le probabilità».

«Quando iniziamo a parlare dei dati che sono inclusi nei modelli dobbiamo porci una domanda: sono veritieri questi numeri che condividiamo col pubblico? Vogliamo sapere cosa sta succedendo con i modelli».

Alla domanda sul perché vorrebbero distorcere i numeri dei decessi di Covid-19, il medico e senatore americano ha risposto: «La paura è un ottimo modo di controllare la gente e questo è preoccupante». 

Durante l’intervista su Fox News non manca di rispondere alle accuse del dottor Fauci che ha definito “teorie cospirative” queste idea dell’aumento dei numeri dei morti da coronavirus.

Il dottor Jensen ha detto: «Vorrei ricordargli che ogni volta che l’assistenza sanitaria si interseca con i dollari la situazione diventa imbarazzante». Foto: YouTube