Digita per cercare

Politica

Meloni: «Ue blocca l’arrivo di armi ma non può bloccare partenza scafisti?»

Condividi
giorgia meloni

Mentre il governo litiga sui decreti sicurezza, la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, avverte l’Ue: “Basta prese in giro, serve il blocco navale per fermare l’immigrazione illegale di massa”.

Il ministro degli Interni, Luciana Lamorgese, vorrebbe impedire di trasformare il testo che cambia i decreti sicurezza in materia di scontro politico ma, a quanto pare, il governo non riesce a trovare sintonia.

Ad alzare i toni ci pensa Matteo Orfini (Pd) che, in un’intervista rilasciata a La Stampa, dichiara: “Entrambi i decreti sicurezza andrebbero abrogati”.

Per Carlo Sibilia, Movimento cinque stelle, cancellando le multe alle ONG “si rischia una pericolosa disomogeneità in Europa”.

Considerando che altri Paesi, come ad esempio la Spagna, continuano ad avere le multe, non è difficile immaginare quale porto sceglierà una ONG per approdare.

Per il Sottosegretario al Ministero dell’Interno togliere strumenti alla Libia per contrastare l’immigrazione irregolare vuol dire peggiorare la situazione attuale.

Poi ricorda: “Gli accordi con la Libia li avviò Minniti. Credo mosso da un ragionamento per cui sia sempre preferibile trovare alleati nella gestione dei flussi migratori piuttosto che lasciare liberi i trafficanti di muoversi a piacimento”.

Rispetto invece a un possibile reinserimento di una protezione umanitaria, Sibilia avverte: “Saremo l’unico Paese d’Europa con uno strumento così poco definito”.

Giorgia Meloni: “Serve blocco navale”

Insomma, le divergenze rispetto ai decreti sicurezza sono davvero tante e per il M5s “la gestione dei flussi migratori è un fenomeno che deve essere trattato con molta attenzione e senza necessità di mettere subdole bandierine politiche”.

Intanto l’opposizione gongola nel vedere il governo in difficoltà, sperando di andare a elezioni il prima possibile. Sulla questione immigrazione è intervenuta anche Giorgia Meloni, leader di FDI.

“La UE sostituisce la missione Sophia con una missione di pattugliamento navale e aereo per garantire l’embargo di armi alla Libia”.

Continua: “Bene, ma se si può impedire l’arrivo di armi, si può anche impedire la partenza dei barconi degli scafisti. Basta prese in giro, serve il blocco navale per fermare l’immigrazione illegale di massa”. Foto: YouTube