Digita per cercare

Religione

Meluzzi accusa: «C’è un’élite di pazzi che decide da secoli» – Video

Condividi
alessandro meluzzi accusa

Nella sua ultima intervista a Radio Radio, Alessandro Meluzzi ha parlato di un futuro già programmato e accusa l’élite di giocare con le nostre vite.

«C’è follia e un qualcosa che non esito a definire luciferina, molochiana, satanica nel capitalismo, nella politica, nella cultura e nella scienza di questo mondo», ha affermato il professore in apertura.

Il professore ha evidenziato: «Questi pazzi ritengono di voler essere Dio, quindi decidere il destino dell’umanità. Decidere se l’umanità deve aumentare di numero o diminuire, di cosa deve morire, che cosa deve mangiare».

Da uomo di fede ha continuato spiegando che gli uomini che non credono in Dio non sono uomini che non credono in nulla. Anzi, saranno persone propense a credere a qualsiasi cosa, come l’onnipotenza del denaro e dell’uomo.

Meluzzi accusa l’élite: «È un delirio di onnipontenza»

Meluzzi accusa: «È un delirio di onnipotenza di un’élite coltivato ormai da secoli e che adesso vuole tirare una rete definitiva perché sente che è giunto il suo momento».

«Dove comandano le mafie i posti di responsabilità istituzionali sono occupati da imbecilli – come diceva FalconeÈ quello che vediamo adesso in Italia».

Il professore ha parlato di un progetto che prevede un futuro in cui le macchine sostituiranno sempre più l’uomo, generando una società di “zombie” senza dignità e identità.

Alessandro Meluzzi accusa l’élite di aver progettato «questa azione di distruzione attraverso la tecnicizzazione, la globalizzazione, la robotizzazione e la vaccinazione».

Le previsioni del professore non sono certo rassicuranti. In conclusione però ha aggiunto che nel cuore di ognuno si svolge un combattimento tra il bene e il male e, come ha spiegato il Manzoni nel capitolo dell’Innominato, «Anche il più compromesso degli individui ha una scintilla di luce alla quale non dobbiamo rinunciare».

Meluzzi ha voluto lasciare una messaggio di speranza in chiusura: «Anche nelle persone più vendute e corrotte c’è sempre una scintilla di luce, scintilla a cui chi vuole tenere alta la bandiera della verità deve guardare e sperare: il Signore Gesù e la Vergine Maria non ci abbandoneranno».