Digita per cercare

Italia

La morte assurda di una 16enne in classe: era stata chiamata alla lavagna

Condividi
salerno alla lavagna

Disgrazia presso l’ISISS Genovesi-Da Vinci di Salerno: una studentessa avrebbe accusato un malore mentre si trovava davanti alla lavagna e nella caduta avrebbe urtato con la testa lo spigolo della cattedra. Incredulità e rabbia da parte di studenti e docenti dell’Istituto Superiore del capoluogo cilentano.

Secondo le prime indiscrezioni, l’adolescente, originaria di San Mango Piemonte, un paesino di circa 2.700 anime situato ai piedi dei Monti Picentini, mentre era alla lavagna è svenuta e nella caduta avrebbe battuto violentemente la testa contro la cattedra posizionata poco distante.

La malcapitata è stata prontamente soccorsa dall’insegnante e dai compagni; poco dopo sul posto sono giunti i sanitari del 118 che non hanno potuto far altro che constatare il decesso.

La ragazza è giunta priva di vita all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona dove sono stati subito avvisati i familiari del tragico accaduto. Sul posto anche le forze dell’ordine tra cui gli agenti della Polizia di Stato che stanno svolgendo le indagini.

Muore alla lavagna

Il dirigente scolastico dell’istituto Nicola Annunziata, per consentire il regolare svolgimento degli accertamenti e dei rilievi del caso da parte degli uomini della scientifica, ha invitato gli studenti a non uscire momentaneamente dalle loro aule.

Molto probabilmente sul corpo verrà richiesto di effettuare l’autopsia dai magistrati della Procura della Repubblica presso il Tribunale della sezione penale di Salerno, per cercare di comprendere le cause dell’improvviso malore.

Dall’esito dell’autopsia, inoltre, potrebbe scaturire anche l’apertura di un fascicolo presso la stessa procura. I funerali potranno svolgersi nei prossimi giorni dopo gli eventuali esami autoptici.

Sui social tanti messaggi di cordoglio e stima nei confronti della studentessa conosciuta da tutti in paese e a cui, purtroppo, una tragica fatalità ha spento i sogni e le aspirazioni. Il primo cittadino del piccolo paese cilentino, con ogni probabilità, proclamerà il lutto cittadino.