Digita per cercare

Mondo

New York: stava organizzando attentato a Time Square, 22enne arrestato

Condividi
new york

Non solo Times Square, ma anche Wall Street e altri obiettivi di New York nel mirino del giovane ventiduenne Ashiqul Alam.

Originario del Bangladesh e residente nel Queens, il giovane è stato arrestato dall’FBI grazie ad un’operazione sotto copertura.

Le autorità lo definiscono un “lupo solitario” quindi non legato a nessuna organizzazione terroristica.

Alam è stato agganciato da un agente grazie all’utilizzo dei social e alle conversazioni attraverso le chat.

New York sventato attentato a Times Square, nel mirino i poliziotti

A quanto pare dalle conversazioni in chat è emerso che il giovane era un estimatore di Bin Laden e dell’Isis.

Alam approvava anche gli “attentati” dell’11 Settembre e questo denota come questo giovane utilizzava la rete in maniera sbagliata.

Stabilizzato a New York, Ashiqul è stato agganciato dall’agente che per mesi lo ha incontrato fino ad arrivare a concordare la vendita di pistole a matricola abrasa.

Le pistole però non bastavano, infatti è arrivato a chiedere anche degli ordigni per fabbricare un giubbotto esplosivo.

Il piano non era ancora stabilito ma voleva colpire il centro di New York e infatti aveva già girato dei filmati a Times Square.

Le sue intenzioni erano chiare: non voleva solo far scoppiare il panico ma voleva colpire dei bersagli chiari.

Nel mirino i poliziotti che controllano il centro di New York e Times Square che sono moltissimi dato che la piazza è una delle più affollate del mondo.

Non a caso New York e la stessa Times Square sono state più volte nel mirino di sedicenti attentatori.

Nel 2010 fu un immigrato Pakistano a tentare di far esplodere una macchina nel centro newyorkese, fortunatamente senza riuscirci.

Una volta arrestato, il sedicente attentatore venne condannato all’ergastolo negli USA senza troppi fronzoli da parte della magistratura.

Un altro caso riguarda un tentativo di far saltare in aria la metropolitana di New York, proprio alla fermata di Times Square.

Ad organizzare questo tentativo fu un giovane canadese di soli 20 anni che venne poi condannato a 40 anni di carcere.

Probabilmente tra pochi giorni scopriremo quale pena sconterà il giovane, originario del Bangladesh, che voleva uccidere dei poliziotti a Times Square.