Digita per cercare

Diritto

Obbligo vaccino antinfluenzale: mozione di Forza Italia al voto alla Camera

Condividi
obbligo vaccino antinfluenzale forza italia

Il 22 settembre alla Camera sarà sottoposta al voto una mozione sull’introduzione dell’obbligo del vaccino antinfluenzale.

Già diverse regioni italiane avevano intrapreso questa strada con ordinanze che obbligavano medici, personale medico e over 65 alla vaccinazione antinfluenzale.

Alle ordinanze erano susseguiti ricorsi al Tar da parte degli interessati, specialmente da parte del personale medico che, in caso di rifiuto, avrebbe subito provvedimenti connessi allo svolgimento della mansione lavorativa.

Il Tar della Regione Calabria ha recentemente accolto il ricorso di associazioni, medici e cittadini. Mentre il Tar della Regione Lazio ha respinto tre ricorsi ma ne sono già pronti altri.

La proposta adesso arriverà alla Camera. Lo scorso 14 maggio Gelmini, Mandelli, Bagnasco, Bond, Brambilla, Mugnai, Novelli, Saccani Jotti (ex CdA AIFA) e Versace hanno presentato una mozione alla Camera per introdurre l’obbligo.

Nella premessa i firmatari hanno indicato le varie motivazione che li hanno spinti a presentare questa richiesta al Governo: dati statistici sui contagi, numero dei morti annui, categorie più colpite e quelle più a rischio.

Inoltre hanno riportato che a causa della Covid «risulta indispensabile raccomandare fortemente la vaccinazione anti-influenzale anche per consentire la diagnosi differenziale e facilitare la distinzione tra le due malattie».

Su questo ultimo punto non tutti si trovano in accordo e ne abbiamo parlato in un precedente articolo. Anche il virologo Burioni ha ammesso che «il vaccino contro l’influenza non è tra i più efficaci. Il virus cambia ogni anno e noi dobbiamo decidere a gennaio quali ceppi includere nel vaccino che si farà a ottobre».

Obbligo vaccino antinfluenzale: l’impegno chiesto al Governo

La mozione proposta dai parlamentari di Forza Italia verrà discussa alla Camera il 22 settembre, proprio dopo le elezioni regionali e il referendum e impegna il governo in dieci punti. Ne riportiamo alcuni:

– Adottare iniziative per introdurre l’obbligo vaccinale gratuito per tutte le categorie a cui oggi è raccomandata la vaccinazione;

– Adottare iniziative per introdurre l’obbligo vaccinale gratuito, attualmente previsto solo «per medici e personale sanitario di assistenza in strutture che attraverso le loro attività sono in grado di trasmettere l’influenza a chi è ad alto rischio di complicanze influenzali», a tutti gli operatori sanitari indipendentemente dall’età;

– Estendere la raccomandazione alla profilassi vaccinale, che oggi è prevista per gli ultra sessantacinquenni, ai soggetti con più di sessant’anni;

– Investire risorse per migliorare i servizi di prevenzione sanitaria e di promozione dei programmi vaccinali. Ma anche adottare iniziative per sostenere e potenziare la ricerca scientifica.

In più dovrebbe prevedere una collaborazione di tutti gli operatori sanitari, delle istituzioni scolastiche, delle università e dei mass media per promuovere la cultura vaccinale.

Infine hanno esortato l’adozione di provvedimenti legislativi per ripristinare un livello accettabile di sicurezza sanitaria mantenendo elevate coperture vaccinali.

Vedendo le reazioni di medici, associazioni e liberi cittadini ai provvedimenti regionali che prevedevano l’obbligo del vaccino antinfluenzale, se la mozione sarà votata favorevolmente, si muoveranno in molti per contrastarla. Foto: Wikipedia e YouTube