banner
HomeItaliaOliviero Toscani condannato: dovrà risarcire Matteo Salvini

Oliviero Toscani condannato: dovrà risarcire Matteo Salvini

Dopo la vittoria in tribunale contro Don Giorgio De Capitano, per Salvini arriva un’altra soddisfazione: Oliviero Toscani dovrà pagare per le offese rivolte al leader delle Lega

Era il 2014 quando il celebre fotografo, Oliviero Toscani, ospite de La Zanzara su Radio 24, aveva attaccato e insultato l’ex ministro degli Interni Matteo Salvini.

Ecco alcune dichiarazioni riportate anche da Libero: “Ma poverino, non ha proprio niente da fare. In quelle foto sembra un maialino sotto il piumino. Uno che dice di uscire dall’Europa e poi si fa fotografare così”.

E ancora: “Salvini fa i pomp***, va benissimo per quello. A chi li fa? Salvini fa i pomp*** ai cretini, fa anche rima. Prende per il c*** chi vota”. 

La condanna a Oliviero Toscani

Per quelle parole è stato condannato dalla Corte d’Appello di Milano a ottomila euro di multa, somma che il fotografo dovrà versare a Salvini. Una sentenze che conferma quella di primo grado del 2017. Salvini aveva già promesso di devolvere la somma incassata da Toscani a “giusta causa”.

Il commentato del leader della Lega: “Ogni tanto un po’ di giustizia, anche se non credo che questo farà desistere certi personaggi dal loro sport preferito, ossia insultare me, la Lega e quelli che la votano. Ma abbiamo le spalle larghe. Amici. Avanti tutta”.

Segui Oltre Tv su Telegram e Google News

Recentemente Salvini ha vinto anche un’altra causa, quella con Don Giorgio De Capitano, il parroco che lo aveva insultato e che adesso dovrà risarcirlo con settemila euro, oltre a pagare le spese processuali.

Ma Salvini non è l’unica vittima politica degli insulti del fotografo. Sempre durante un’altra puntata de La Zanzara, Oliviero Toscani definì Giorgia Meloni: “Brutta, volgare e ritardata”.

Oggi per il “capitano” giornata piena di soddisfazioni. Proprio stamane la notizia che il tribunale dei ministri gli ha dato ragione: “Le Ong devono sbarcare nei loro paesi di origine”.