Digita per cercare

Italia

Ospedale Fiera di Milano: in 10 giorni centinaia di posti di terapia intensiva

Condividi
ospedale fiera di milano

È pronto il nuovo ospedale Fiera di Milano. Avrà la possibilità di ospitare centinaia di posti letto di terapia intensiva e la gestione sarà affidata all’ospedale Policlinico di Milano.

Intanto, ieri mattina, alla presenza del governatore della Lombardia Attilio Fontana, del sindaco di Milano Sala e del presidente della Fondazione Fiera Enrico Pazzalie, l’Arcivescovo di Milano Mario Delpini ha voluto benedire la struttura.

“Facciamo l’elogio di quel modo di stare al mondo che avverte la responsabilità di renderlo migliore, delle istituzioni, delle persone che hanno responsabilità dirigenziali, di tutti i collaboratori, i dipendenti, i consulenti, di quelli che sentono il dovere personale di rimediare ai disastri, di attivarsi di fronte ai bisogni, senza cercare scuse, senza delegare ad altri, senza stare alla finestra a commentare e criticare. Dio benedice l’impresa quando è intraprendenza per migliorare le situazioni”.

Queste le parole dell’Arcivescovi riportate da Repubblica. L’ospedale al Portello – che è stato allestito al padiglione 1 e 2 – vedrà operativi 500 medici e mille infermieri che saranno reclutati dal Policlinico di Milano.

Le immagini dell’ospedale alla Fiera di Milano

“La Regione Lombardia, grazie al lavoro di Attilio Fontana, Guido Bertolaso e tutta la loro squadra, ha mantenuto la promessa e realizzato il miracolo: il nuovo ospedale nell’ex Fiera a Milano è pronto e verrà consegnato al Policlinico di Milano”.

È quanto ha scritto su Facebook il deputato in quota Lega Alessandro Morelli, allegando anche un video che potete vedere a fine articolo.

“53 posti letto che possono arrivare a 241, tutti di terapia intensiva – spiega Morelli – che si sommano alle altre strutture per l’emergenza di Cremona, Crema e Bergamo, diventate realtà in pochissimo tempo”.

Quindi i ringraziamenti a tutti, “compresi gli straordinari medici e infermieri che stanno arrivando dal resto d’Italia e dal mondo. E intanto la filiera produttiva lombarda si è riconvertita per produrre fino a 900mila mascherine al giorno. Cuore, competenza, voglia di lottare: ci rialzeremo, insieme, più forti di prima”.