sfero banner
HomeArtePamela Mastropietro e l'opera che doveva aprire la mostra sugli immigrati

Pamela Mastropietro e l’opera che doveva aprire la mostra sugli immigrati

Non c’è pace per la povera Pamela Mastropietro, la diciottenne romana fatta a pezzi e abbandonata in due trolley alla periferia di Macerata.

A far discutere è l’opera di Andrea Villa, il misterioso artista senza volto conosciuto come il Banksy di Torino. In una rivisitazione della “Madonna col bambino” di Bellini, ha rappresentato la Madonna con il volto di Pamela e il bambino con quello del suo aguzzino, Innocent Oseghale.

Il quadro doveva far parte della mostra “Salotto borghese Italia agli immigrati”, allestita dal 19 settembre al 12 ottobre presso la Galleria d’Arte Riccardo Costantini in via Giolitti a Torino.

“L’immagine all’inizio doveva rappresentare la mostra. Ma per rispetto nei confronti dei familiari ho deciso che era meglio non stamparla né esporla dal momento che il soggetto poteva ledere la loro sensibilità”. Queste le dichiarazioni del giovane artista riportate su Il Messaggero.

L’avvocato di Pamela Mastropietro

Aiuta l'informazione libera di Oltre Tv

Ma la famiglia di Pamela Mastropietro non ci sta e fa sapere tramite lo zio e avvocato della vittima, Marco Valeri Verni, che andranno a fondo in questa vicenda per capire come siano andate le cose.

“Siamo venuti a conoscenza, per un caso fortuito, di questo quadro e lo abbiamo trovato blasfemo, dissacrante e offensivo sia della religione che di Pamela e della sua tragedia, oltre che dei familiari”.

Dichiara l’avvocato Verni che poi aggiunge: “Ci dispiace che il viso di Pamela sia usato in questo modo, non avremmo avuto da ridire se fosse stato usato per messaggi positivi o di beneficenza, ma che venga usato a nostra insaputa, in un contesto come questo, non fa che aumentare l’amarezza e la rabbia”.

Una situazione che ha visto coinvolti non soltanto amici e parenti ma anche tantissime persone comuni che hanno voluto esprime la propria indignazione attraverso la rete, dove l’immagine è girata tantissimo.

“Al di là di qualsiasi messaggio l’artista volesse mandare – continua lo zio di Pamela –  è raccapricciante averne preso visione. Valuteremo le azioni più opportune”.

https://www.facebook.com/lavocedipamela/posts/1070135510044573:0