Digita per cercare

Le opinioni di Oltre Tv

Paolo Palumbo: facciamo sentire la sua canzone nelle scuole

Condividi
paolo palumbo

Nunzia De Girolamo ha pubblicato un video per ringraziare Paolo Palumbo e lasciare un messaggio ai giovani: “Apprezzate anche le cose semplici […] la vita è un dono prezioso”.

“Voglio approfittare di un momento di pausa per fare una riflessione insieme a voi”. Inizia così il video messaggio di Nunzia De Girolamo, ex deputata di Forza Italia, che ha voluto ricordare il coraggio e la forza di Paolo Palumbo, il giovane rapper malato di SLA, ospite al Festival di Sanremo.

“Penso che fino a oggi il momento più sentito, emozionante e commovente di questo Festival sia stato il discorso di Paolo e la sua canzone. Era un vero appello alla vita, a essere felici e ad apprezzare le cose che abbiamo, anche le più semplici, che semplici non sono, come la salute e la vita stessa”.

Paolo ha parlato soprattutto ai giovani dicendo di amare la vita. “Troppi ragazzi – continua Nunzia – abusano di alcool e droga mettendo a rischio questo dono prezioso che è la vita”.

La lezione di Paolo Palumbo nelle scuole

Poi lancia la proposta: “Mi verrebbe da dire, anche all’attuale governo e al ministro dell’Istruzione, che forse fare ascoltare la canzone di Paolo e aprire un dibattito nelle scuole, dando un messaggio molto serio e forte ai nostri ragazzi, potrebbe essere una gran bella idea per educare alla vita”.

Certo sarebbe una bella cosa, soprattutto in questi tempi in cui la “cultura della morte” prevale nei dibattiti televisivi. Paolo ci ha insegnato che vale la pena vivere, sempre e che si può vincere anche contro la SLA.

Certo, non tutti abbiamo la forza e il coraggio di Paolo, ma dobbiamo provarci e lui ci ha detto che possiamo farcela. E lo ha detto a noi, che spesso ci lamentiamo per cose futili mentre dovremmo essere felici di poter stringere un oggetto tra le mani o poter fare una semplice passeggiata.

Facciamo nostro l’appello della De Girolamo, nella speranza che a scuola si possa insegnare ai ragazzi l’educazione alla vita. Noi stiamo con Paolo. Foto: You Tube