sfero banner
HomeCostume e Tempo liberoParenzo va giù pesante, la risposta di Brosio è da standing ovation...

Parenzo va giù pesante, la risposta di Brosio è da standing ovation – Video

David Parenzo ha attaccato Paolo Brosio ricordando la sua vita passata. Davvero un pessimo spettacolo. 

Dell’esimio giornalista David Parenzo ne avevamo parlato appena ieri, quando, ospite a L’Aria che tira, aveva offeso Stefano Puzzer dandogli del matto.

La vittima di oggi è Paolo Brosio, colpevole di avere un parere diverso dal collega e di aver attraversato un periodo molto difficile nella sua vita.

Ospite dell’amica Myrta Merlino, Parenzo ha avuto il coraggio di andare a ripescare un’intervista che Paolo Brosio aveva rilasciato al Mattino, in cui parlava di quel periodo nefasto e delle sue debolezze.

La rissa verbale tra Brosio e Parenzo

“Tu stai mettendo dubbi su cose sulle quali la medicina ufficiale a livello mondiale ci ha dato già delle risposte” ha detto Parenzo.

“Tu in un’intervista al Mattino – ha continuato – hai detto «Tra alcol e droga in un’orgia una voce mi ha salvato». Nella tua vita ti sei fatto di tutto e rompi le balle sul vaccino?”

Brosio ha replicato spiegando che nella sua vita ha avuto un momento di debolezza. Poi ha aggiunto: “Sei veramente una persona vergognosa. Vienimele a dire in faccia queste cose. Sei un ignorante, una persona vergognosa”.

E ancora: “Stai parlando di una debolezza di una persona. È stato un periodo circoscritto della mia vita e tu mi vieni a rinfacciare una di queste cose su degli argomenti come questi. Ti posso dire una cosa? Mi fai vomitare!”

Il tutto è avvenuto mentre la conduttrice non ha proferito parola, tranne che per chiedere a Parenzo di rileggere il passo dell’intervista. Uno spettacolo indegno che ancora una volta dimostra di cosa è capace un certo giornalismo.

Non mi stupirei se, tra qualche giorno, si iniziasse a spulciare nel passato di chiunque abbia un’opinione diversa dal Parenzo di turno.

E che importa se, come in questo caso, non c’entra nulla con l’argomento trattato: l’importante è denigrare e fomentare odio, come soltanto alcuni “professionisti dell’informazione” sanno fare. Foto: Twitter