Digita per cercare

Notizie

Parma, immigrato contro poliziotti, minaccia Salvini: già espulso in Marocco

Condividi
immigrato contro poliziotti

Un marocchino di 30 anni a Parma stava molestando i clienti di un locale; all’arrivo delle volanti l’immigrato s’infuria contro i poliziotti.

Aveva iniziato a bere pesantemente e ad arrecare fastidio a tutti i presenti, così alcuni di essi hanno richiesto l’intervento delle forze dell’ordine.

Era in compagnia di un connazionale 31enne, e nonostante la presenza degli uomini in divisa arrivati sul posto, la sua furia non si è placata.

L’africano ha inveito contro i poliziotti, arrivando a minacciarli apertamente: “Maiali maledetti, voi e Salvini. Se non mi lasciate stare io vi uccido tutti”.

Immigrato contro poliziotti: denuncia ed espulsione

Gli insulti e le minacce ai danni del ministro Salvini dipendono dal fatto che ormai alcuni immigrati lo vedono come un capro espiatorio.

Ti potrebbe interessare anche: «Italiano cattolico!» e il marocchino aggredisce un georgiano a Roma

Il 30enne marocchino esagitato risulta regolare sul territorio nazionale, ma con una lunga lista di precedenti per reati contro la persona e il patrimonio.

Per lui una denuncia a piede libero con l’accusa di resistenza, minacce e oltraggio a pubblico ufficiale. Inoltre le accuse proseguono con vilipendio della Repubblica, delle istituzioni costituzionali e delle forze armate e infine ubriachezza molesta.

Con l’emissione di un daspo urbano, lo straniero è stato allontanato dalla città di Parma. Il rischio è che potrà molestare a Reggio Emilia.

Il connazionale 31enne invece è clandestino, già colpito da provvedimenti di espulsione e con precedenti per minacce, danneggiamenti e furto aggravato.

Quindi lo hanno espulso dal territorio nazionale e imbarcato su un volo diretto in Marocco: uno su due è già una buona media.

Anche questa volta lo scambio informativo e la tempestività d’intervento hanno dato i loro frutti, permettendo un allontanamento coatto dal Territorio Nazionale.