Digita per cercare

Costume e Tempo libero

Pimpinella, pianta selvatica alleata dell’organismo che sa di noci e cetriolo

Condividi
pimpinella

La Pimpinella è una pianta selvatica del genere Sanguisorba, di cui fanno parte la Sanguisorba officialis con foglie più grandi e la Sanguisorba minor o Salvastrella minore.

Da non confondere con l’altra sua omonima, ma di genere completamente diverso: la Pimpinella Anisum, appartenente alla famiglia delle Apiaceae o Ombrelliferae.

Le foglioline di questa pianta hanno un sapore fresco che ricorda il gusto di noci e un retrogusto di cetriolo.

Ha proprietà aromatiche, astringenti, digestive e vulnerarie, cioè aiutano la cicatrizzazione del sangue, da qui la derivazione del nome Sanguisorba.

Ricette

pimpinella

Le foglioline fresche di questa pianta si usano in cucina per aromatizzare insalate, risotti, formaggi e minestre, si possono unire ad altre erbe nelle frittate e nelle torte salate.

Insalata Primavera (foto 1). con cuori di carciofo, arance pelate a vivo, scaglie di formaggio, foglie fresche di pimpinella, rucola, olio e sale.

Gnocchi di zucca al burro e foglie di pimpinella (foto 2) Ingredienti: 500 g. di zucca, 150 g. farina, 1 uovo, 1 cucchiaio di parmigiano grattugiato, sale, pepe. Per il condimento: olio, burro, foglie di pimpinella, parmigiano.

Preparazione: Pulire la zucca da eventuali semi, pelarla, tagliarla a pezzi, cuocerla a vapore o con pochissima acqua finché è tenera.

Passarla al setaccio eliminando eventuale acqua, raccoglierla la polpa in una ciotola aggiungendo la farina e l’uovo.

Impastare bene il composto con un cucchiaio di legno, unire il parmigiano, un pizzico di sale e pepe. L’impasto deve risultare denso ma non troppo.

Portare a ebollizione l’acqua con un cucchiaino di sale in una pentola, quando bolle versare tutto l’impasto a piccole cucchiaiate, tenendo la pentola su fuoco vivace, cuocere i gnocchi per non più di 5 minuti.

Scaldare una padella con una noce di burro, aggiungere anche olio d’oliva per non rendere troppo grasso e pesante il condimento, poi appena cotti gli gnocchi versarli nella padella.

Mescolare delicatamente per insaporirli, servire spolverizzandoli ancora con un poco di parmigiano grattugiato, ricoprendoli con le foglioline di pimpinella.

Ti potrebbe interessare anche Trifoglio rosso: tutte le proprietà benefiche e gli usi in cucina

Bocconcini di cavolfiore rosa con crema alla pimpinella (foto 3)

Ingredienti: cavolfiore rosa, farina integrale, farina di ceci, sale, acqua frizzante, ricotta, un uovo, erba selvatica pimpinella, nocciole, olio, sale.

Preparazione: Separare le cime del cavolfiore, lessarle in acqua salata lasciandole croccanti, preparare la pastella con metà farina integrale, metà ceci e acqua frizzante fredda, sale. Intingere il cavolfiore e friggerlo in padella unta d’olio.

Tenere al caldo, intanto preparare la salsa di accompagnamento, frullando ricotta, l’uovo sodo, erba selvatica pimpinella, nocciole, olio, sale. Servire insieme.